Home > Diritti dell'uomo, Politica estera, Zibaldone > Una bomba a mano senza sicura

Una bomba a mano senza sicura

Cara Margarita,

grazie per l’opportunità che mi hai offerto. Da tempo vorrei scrivere qualcosa sul mio blog “Terra di Nessuno”, circa la crisi del tuo Paese e dell’Unione europea. Mi puoi aiutare con notizie “di prima mano”? Qui non c’è una buona informazione su quello che accade da voi, e quella poca che c’è è di cattiva qualità; tutta schierata da una sola parte,  si fa solo leva sulla paura che l’Italia possa essere come la Grecia affinché il pubblico non si formi un’opinione oggettiva sulla situazione della Grecia e non rifletta sulle sue vere cause.
Chi ha fatto studi classici, come me, ha imparato ad amare la Grecia come culla dell’Occidente. Un’Europa senza Grecia semplicemente non avrebbe senso. Questa cosa così elementare sembra difficilissima da capire ai tanti che credono che l’Europa sia niente più che un’espressione economica, che indica solo una certa area di mercato.

Un abbraccio.
Giampiero.

Margarita Nikolopoulou
Caro Giampiero !
Here at last, and with the greatest of delays i’m afraid, is the article you were so kind to be part of, in last years magazine. Please, accept my shamefully and sincere apology.
I want to thank you once more for your valuable contribution. However there is one and only advantage in this delay of mine.Reading it again, one year later, i could hardly believe myself how much the conditions of my country has changed – to worse- in this year alone. I’m wondering if the same stands for Italy. Wishing both our lovely countries, the entire European South and Europe in general best of lucks.

Cordially saluti da un Atene piu che mai insicuro !!!

AN UNLOCKED HAND GRENADE DISGUISED AS A QUESTIONNAIRE

October 2010.
First meeting for the magazine. Emotions in “tempo allegro ma non troppo” . Between old friends, facing new concerns and the coming winter we all know it will be difficult. “What awaits us in the future?” Seems to be the hidden question on everybody’s mind recently My thought goes to the young children, the ones still go to school, play, exercise and create, without any concern. Absolutely unsuspecting yet the ominous future . My proposition is to devote to them the “Paedagogic Page” to fill the pages with the hopes, dreams, fears, expectations, obstacles that will
come up before them and the supplies they must have in order to complete the very difficult task that awaits … in front of them. Persons directly involved with the new generation will submit their views. Parents, teachers, artists, trade unionists, who are somehow close to the children in this so sensitive and full of potential age.
“Seems easy” I thought. The same probably thought at the very beginning the recipients of the questionnaires because no one was concerned from the beginning, either expressed hesitation or question about it. And the weeks went by, came the Christmas period -more melancholic than ever this year, the climate of uncertainty just to intensify the national depression hitting red.
Carnival came and went by , and Lent came with omens , and not only economico nes –omens that were more than alarming. Nature has retaliated with a double blow (8.9 R earthquake and giant tsunami) a global superpower, bursting out its wrath upon the righteous and the unrighteous. The world holds its breath waiting to see how will behave and whether they withstand the nuclear reactors.
And in midst of all these a questionnaire invites you to take a position about the future of the new generation. Hard tasl …. very hard one …. Some told me so directly, yet with hesitation from others I concluded it through their one- word or evasive answers. In conclusion: Most of them would more courageously face an unlocked grenade. Probably they would dare to face more easily the altitude of Mount Everest rather than the depth of children’s gaze from which -as told by Savvopoulos – you can not hide because “ one way or another, children know what is to be known.”
I thank Panagiota Balinakou, elementary school director and writer and Giampierro Tre Re, university professor and writer who courageously faced questions about the present and the future of the new generation!

How much agony when you raise up a child! You want for it, to always be healthy, strong, able to handle everything, to enjoy better physical education and to grow in an environment of family warmth, joy, solidarity and idealism for the future.
But looking ahead, are all the skills we give our child enough for a society where values have now changed, the institution of family has changed texture and in a time when cognitive abilities are not a criterion anymore to fight unemployment ? Are they enough ? I frankly do not know.
One thing is certain. Our generation has inherited from the previous one the advantages of high development and the disadvantages of even higher spending.. We have to make our best and try for the next generation to only the advantages of globalization and not the mistakes of our time (fall of values, supposedly comme- il- faut, damaged of the environment, terrorism). So, we as parents should be alert and learn to resist to anything is beyond measure, if we want to continue preseving the future of our children and of our country.
Because children can and should hope!

Panagiota Balinakou

The Italian society at this moment has lost its orientation. Young people have a culture that seems to be TV’s culture, extremely limited and superficial.
They don’t seem to have the means to understand their world let alone be an active par of it. This is the reason for they tempt to be introvert, sealed in small groups where they feel confident – family, friends. They are afraid to confront the future. Of course there is a small group of young people who behave differently. It works hard by being dynamically activated for the common good, fighting for the financially weaker through volunteerism and struggling for justice.

Giampiero Tre Re

  1. 1 marzo 2012 alle 18:43

    Caro Giampiero,
    Thank you so much for your kind words and your sincere concern about Greece’s situation. Seems that one after another the fundaments of Europe are collapsing down. . No wonder that Classic studies have since long been abandoned, no wonder that for some people Europe has nothing to do with civilization, and yes, with Latin and Greek studies, and everything to do with banks and money.
    Not that long ago, me as every student in Classic Lyceum, had to take Latin classes and i still remember the sheer bliss and even delight i felt in learing the language. It was like meeting a distant relative, it ehoed to me memories from past times. I guess, in Italy students who learn Ancient Greek, feel likewise.
    One year ago,when i first asked you about the article, could never imagine the abyssmal financial gap which was laying in front of Greece.
    The reasons ?
    Veramente, non so….Che ne posso dire ? Era sicuro che la corruzione nel settore publico era altissima. Era sicuro che i politici Greci non c’avevano detto tutta la verita’ – ma qual politico l’ha mai detta ?
    Accordo la mia esperienza, posso parlare solo degli utlimi trent’anni. Piu o meno gli anni della democrazia, glia anni senza la Junta o senza la famiglia Reale, un periodo che Grecia diventava poco a poco piu forte, con piu fiducia, e guardava il futuro con una certa speranza.
    Trenta anni nell’ Unione Europea. Certe direzioni eranno datte e seguite, un sacco – un sacco gigantico dei soldi da Europa – era andato via senza i resultati che dovrebbe dare. I nostri agricoltori – la spina dorsale per un paese come Grecia- hanno imparato a vivere dalle sovvenzione Europee, senza fare sul serio l’ agricoltura, sempra pensare sul serio per il futuro.
    Nell fratempo, Grecia diventava poco a poco un paese, che consumava prodotti dall ‘estero . E’ incredibille la quantita’ dei prodotti che importiamo !!!Mentre i prodotti esporti sono la minoranza. Vale a dire, che al settore publico, Siemens, una compagnia Tedesca, ha preso la parte del leone, guadagnando millione di Euro ( anche di drachma in tempi anteriori) . Come ? Ma con “piccoli regali” a certi politici o a certe parte politiche. Ma per questo i Tedeschi non parlano. A parte di tutto questo, Grecia e’ sempre in bisogna di comprare sistemi militari ed armi…il ragione e ovvio e all’altra parte del Egeo. Da dove ci compriamo ? Dagli Stati Uniti, dalla Francia e dalla Germania. C’avevamo anche una picollisima fattoria che producava un tipo di armi ma i nostri politici l’anno chuisa,non so da qualche tempo.
    Secondo me, il risponsabile per questo debito incredibile non e il popolo Greco. La nostra risponsabilita, e’ che quando le Sirene di dolce vita l’hanno promesso una vita piu facile, non abbiamo visto la trappola . E quando al inizio di questo periodo – trent’anni fa- ha cominciatto un sforzo di “decolturalizzare” la scuola, di fare la scuola piu facile, gli studi senza sforzo, l’abbiamo accettato. ( Ricordi la famosa Scelta di Ercole ??? Noi, ovviamente l’abbiamo dimenticata….!)
    Perche Grecia, ‘ prima di essere fallita all’ economia, era complitemente fallita alla cultura.
    Ho una sola speranza : che il mio paese – con meno che 200 anni fuori dalla schiavitu’ Ottomanica- riuscira’ a fare un “restart” e comminciera’ a lavorare come si deve. Ma prima del “restart” non si puo’ scappare la chiusura !
    Un abbracio,
    Margherita

    PS
    Scusa mi per il livello basso del mio Italiano, spero che sia comprensibile….Forse, l’avevo ditto piu chiaramente in Inglese, come un gesto di gratitudine per la solidarieta’ del Popolo Italiano verso il Popolo di Grecia, ho dovuto farlo in Italiano !

    • 1 marzo 2012 alle 18:45

      Cara Margarita,

      Il tuo italiano è buono abbastanza da dire con chiarezza alcune semplici cose che molti in Italia cercano di far passare sotto silenzio. Dei cittadini greci il pubblico italiano sa solo quello che si sente dire continuamente dalla tv, cioè che rischiamo di finire come loro. Ma l’Italia è già come la Grecia. La situazione del nostro meridione, ad esempio, è tale e quale quella greca, come tu l’hai descritta. L’inettitudine della maggior parte degli amministratori locali (parlo della Sicilia, per esempio) è pari solo alla loro spaventosa ignoranza e assenza di senso dello Stato. Le infiltrazioni mafiose in politica ci sono ancora, in Sicilia, in Calabria, in Campania. A livello nazionale la corruzione non è affatto sconfitta, ma i politici sono più cauti e si servono di manovalanza e personaggi di seconda fila. L’immoralità e il consumo di droghe dilagano tra la classe politica più pletorica, meglio pagata e con la più bassa produttività al mondo. Di solito si dice che il meridione italiano ha meglio conservato la sua cultura tradizionale, ma non è vero. Gli strati popolari più arretrati sono nel Meridione d’Italia e sono completamente deprivati di qualsiasi contatto vitale con le loro radici culturali, colonizzate da una insulsa cultura televisiva e calcistica. Le culture tradizionali più vive, infatti, la maggiore creatività intellettuale, culturale, si trovano dove c’è maggiore ricchezza: al Settentrione, in Lombardia, in Piemonte e soprattutto in Veneto e nell’Italia centro-settentrionale, che sono le regioni più ricche, non solo d’Italia, ma d’Europa. Se l’Italia non andrà in default è perché la Germania può anche permettersi di perdere le commesse militari greche, ma non la capacità di consumo del settentrione italiano.

  2. 14 giugno 2012 alle 15:43

    Elezioni in Grecia: “Salvateci dai salvatori”
    di S. Zizek
    http://www.informarexresistere.fr/2012/06/13/elezioni-in-grecia-salvateci-dai-salvatori/#axzz1xmJjITtJ

    Il 17 giugno i greci torneranno alle urne, e i leader europei ci ripetono che le prossime elezioni avranno un’importanza capitale: in ballo non c’è soltanto il destino della Grecia, ma anche quello di tutta l’Europa. Un risultato – quello più auspicabile, secondo loro – permetterebbe di portare avanti il doloroso ma necessario processo di ripresa attraverso le misure d’austerity. L’alternativa invece – la vittoria della coalizione di sinistra Syriza – scatenerebbe il caos, la fine del mondo (europeo) per come lo conosciamo oggi.
    I profeti della catastrofe hanno ragione, ma non nel senso che credono loro. Secondo i critici del nostro attuale sistema democratico, oggi le elezioni non offrono una reale possibilità di scelta: siamo chiamati ad assegnare il nostro voto a partiti di centrodestra o di centrosinistra, ma i loro programmi sono pressoché indistinguibili. Il 17 giugno, invece, i greci potranno davvero operare una scelta di campo: l’establishment (Nuova democrazia e Pasok) da una parte, Syriza dall’altra.
    Come sempre accade quando esiste una reale possibilità di scegliere, l’establishment va in preda al panico: se farete la scelta sbagliata, minacciano, seguiranno devastazione, povertà e violenza. La mera possibilità che Syriza possa vincere ha terrorizzato i mercati globali. Viviamo nei giorni della prosopopea ideologica: i mercati parlano come se fossero persone, esprimono preoccupazione per ciò che potrebbe accadere se il futuro governo greco non sarà disposto a rispettare il programma di austerity fiscale e riforme strutturali. Ma i greci non hanno tempo di preoccuparsi di tutto questo: devono pensare alla loro vita di tutti i giorni, che sta peggiorando fino a raggiungere livelli che in Europa non si vedevano da decenni.
    Le minacce dei vertici europei sono profezie auto-avveranti. Scatenano il panico, e in questo modo favoriscono quegli stessi i meccanismi da cui ci mettono in guardia. Se vincerà Syriza, sperano che impareremo la lezione sulla nostra pelle e capiremo cosa succede quando si interrompe il circolo vizioso della mutua complicità tra i tecnocrati di Bruxelles e il populismo anti-immigrazione. Per questo Alexis Tsipras, leader di Syriza, ha dichiarato in una recente intervista che la sua priorità in caso di vittoria sarà quella di combattere il panico: “il popolo sconfiggerà la paura. La gente non soccomberà e non si lascerà ricattare”.
    La missione di Syriza è quasi impossibile, ma la sua voce non è quella della follia di estrema sinistra. Al contrario, è la voce della ragione che lotta contro la scriteriata ideologia di mercato. Gli uomini di Syriza sono pronti a prendere in mano la situazione, e hanno superato la tradizionale paura di governare della sinistra. Hanno il coraggio di provare a rimediare agli errori commessi da altri. Per farcela dovranno mostrare una formidabile combinazione di principi e pragmatismo, di impegno democratico e capacità di agire rapidamente e con decisione quando necessario. Se vogliono avere una benché minima possibilità di successo, avranno bisogno di una solidarietà forte a livello pan-europeo: non soltanto un trattamento accettabile da parte degli altri paesi, ma anche un sostegno in termini di idee creative, per esempio per la promozione del turismo estivo.
    Nei suoi Appunti per una definizione di cultura, T.S. Eliot sottolineava che ci sono momenti in cui l’unica scelta possibile è tra l’eresia e la non-fede. In altre parole, a volte l’unico modo di mantenere in vita una religione è provocare una scissione settaria. Oggi l’Europa si trova esattamente in questa situazione. Soltanto un nuova “eresia” – ai giorni nostri, Syriza – può salvare quanto di buono c’è nel progetto europeo: democrazia, fiducia nei popoli, egualitarismo, solidarietà… Se Syriza verra sconfitta saremo invece condannati a vivere in “un’Europa dai valori asiatici”, che naturalmente non avrà nulla a che vedere con l’Asia ma sarà soltanto lo specchio delle tendenza del capitalismo contemporaneo a calpestare la democrazia.
    È questo il paradosso connaturato al “voto libero” nelle società democratiche: il cittadino è libero di scegliere, a condizione che faccia la scelta desiderata. Se l’opzione scelta è diversa (lo abbiamo visto quando gli irlandesi hanno rifiutato la costituzione europea) viene trattata come un errore, e per correggerlo l’establishment chiede immediatamente che il processo “democratico” riparta dal principio. Quando l’anno scorso il primo ministro greco George Papandeou ha proposto un referendum sul piano di salvataggio per la Grecia, la consultazione referendaria in sé è stata bollata come scelta sbagliata.
    I mezzi di comunicazione veicolano due macro-storie a proposito della crisi greca: c’è la storia germano-europea (i greci sono irresponsabili, pigri, spendaccioni, evasori fiscali e hanno bisogno di essere controllati e di imparare la disciplina fiscale) e c’è la storia greca (la nostra sovranità nazionale è minacciata dalla tecnocrazia neoliberale di Bruxelles). Quando è diventato impossibile ignorare le sofferenze del popolo greco è emersa una terza storia: i greci vanno aiutati perché vittime di un’’mergenza umanitaria, come se fosse in corso una guerra o se il paese fosse stato colpito da una calamità naturale. Tutte e tre le storie sono chiaramente false, ma la terza è la più disgustosa. I greci non sono affatto vittime inermi. Sono uomini in guerra contro i vertici dell’economia europea, e ciò di cui hanno bisogno è la nostra solidarietà, perché la loro battaglia è anche la nostra battaglia.
    La Grecia non è un’eccezione, ma uno dei tanti banchi di prova per un nuovo modello socioeconomico dalle applicazioni potenzialmente illimitate: una tecnocrazia depoliticizzata in cui i banchieri e altri “saggi” demoliscono ogni forma di democrazia. Se riusciremo a salvare la Grecia dai suoi presunti salvatori, salveremo anche l’Europa.
    fonte: infoaltra.blogspot.it
    http://www.nocensura.com/2012/06/elezioni-in-grecia-salvateci-dai.html

    Tratto da: Elezioni in Grecia: “Salvateci dai salvatori” | Informare per Resistere http://www.informarexresistere.fr/2012/06/13/elezioni-in-grecia-salvateci-dai-salvatori/#ixzz1xmL7d9Gq
    – Nel tempo dell’inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario!

  3. 21 giugno 2012 alle 14:45
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: