Parla come feisbuc

teologia postmodernista dell’ebraismo

a

a

a
a
Una celebre battuta da un film cult di Sordi, una prepotenza classista ipocritamente ammantata di motivazioni religiose, diviene compito politicamente scorretto e declinata negl’innumerevoli accenti delle parlate regionali. Il caso poco serio di un certo cattolicesimo identitario che fatica a chiudere i conti con i propri pregiudizi.
  • COMPITO ASSEGNATO A TUTTI GLI AMICI FB DA FARE ENTRO 24 ORE.
    Qui ognuno di voi ha il dovere di scrivere nel proprio dialetto stretto la seguente frase che io riporto in italo-romanesco:
    “tu sei giudeo e i tuoi antenati falegnami hanno fabbricato la croce dove hanno inchiodato nostro signore Gesù Cristo… posso essere ancora un po’ incazzato pe’ sto fatto?”
    • 2 persone piace questo elemento.

      • Antonio Margheriti Mastino ALTO SALENTO (BRINDISINO)
        Tu sinti ebbreu e l’antenati tua falegnami è nu fabbricatu la croci do è nu ppuntatu nuestru siggnori Gesùcristu… pozzu essiri ncora nu picca ncazzatu pi stu fattu?
        7 settembre alle ore 2.55 · Modificato · Mi piace · 1
      • Antonio Fumarola GALLIPOLINO [sui generis, salento medio-occidentale]: teve sinti sciutèu,li nanni toi falignàmi frabbacàra a croce addru fòe nchiuvàtu nostru signore Ggesucristu. pozzu stare ncora moi nnu picchi rreutatu ppe stu fattu?
        7 settembre alle ore 2.54 · Modificato · Mi piace · 2
      • Antonio Fumarola ps. sta traduci in tutti i dialetti u marchese nto?
        7 settembre alle ore 2.49 · Mi piace · 1
      • Giacix Oshimaru Torchia CALABRESE ( MIGLIERINESE) Tu si nu bbreu e lli fhalignami catananni tua hanu fhattu a cruce nduve hanu mpittu nuastru signure Gesù Cristu, …. puazzu essere ancora n’ugna ncazzatu ppe stu fhattu?
        7 settembre alle ore 2.50 · Mi piace · 1
      • Marino Pagano BITONTINO (Bitonto, prov. Bari)… “Tiue si nnu ebbreje e re tataranne tijue, meste d’ascje, jonne congérteute la crauce adoue jonne ‘mbaleute Gesù Crist… posséche jesse angour nu picche inguartéute pe ‘stu fatte?”
        7 settembre alle ore 2.50 · Mi piace · 2
      • Jack Candle ARETINO: Tu ssei giudeo e i tu antenati falegnami han fabbricato la croce ndo hanno ‘nchiodato nostro Signore Gesù Cristo, poss’essere ancora un pò ‘ncazzato pe sto fatto?
        BITURGENSE : tu sè giudeo e i tu antenati han fabricheto la croce nd’hanno nchiodèto nostro Signore Gesù Crishto, poss’essere ‘ncora ‘npò ‘ncazzato pe sto fatto?
      • Jack Candle Sto pezzo del marchese m’ha sempre fatto schiantare dal ridere , con l’ebreo aronne piperno,,,ahah
      • Montgomery Scott LIGURE (Levante Savonese): Ti t’è in giudeu, e i tö vexi ch’ean banchè han miss’insemme à cruxe dande han ciavö u nostru segnù Gesù Cristu… Possu aveighe ancun u belin inversu pe sta facenda?
        7 settembre alle ore 4.05 · Mi piace · 1
      • Luca Dombré Mi è concesso di dire che ancora non ho trovato un motivo convincente per avercela con gli ebrei in quanto tali prettamente riguardo la loro responsabilità di carnefici di Nostro Signore? Potrei capire per via dell’essersi fossilizzati nella cocciutaggine farisaica di non volerLo riconoscere come l’Unto, ma per via della Croce non capisco. Anche perché la logica di ciò quale sarebbe? Che, per non volere loro male per tale responsabilità, ci dovremmo augurare che non Lo avessero mai portato sulla Croce? Vade retro, Satana! Egli è venuto al mondo proprio per morire. L’auspicarsi che potesse essere andata diversamente puzza parecchio di zolfo; senza aggiungere che la mano che Lo inchiodò è quella degli uomini di ogni tempo, la mia, la vostra. P.S.: al di là della citazione di Sordi, dico pe’ davero.
        7 settembre alle ore 16.15 · Modificato · Mi piace · 1
    • Riccardo Martìn Balello VENETO-PAVANO (traduzione libera): “Tì te si un judio e i to veci gà tirà sù a croxe pà inciodare nostro Siore… poxo essare uncora inveenà pà sto fatasso?”
    • Gianbattista Pasinetti Il bergamasco non è tutto uguale: a seconda della valle ci sono differenze. Da me si dice così:
      “Te ta sè Giudeo e i to écc frèèr ià fài sö la cruus ‘ndo ià inciudaat ol nost Signuur Gesù Cristo. Pöde es amò ‘npo gnécch per chésto?”
      In ogni caso penso che quella croce l’abbiamo costruita tutti e purtroppo ne costruiamo sempre di nuove.:-/
      7 settembre alle ore 13.50 · Modificato · Mi piace · 1
    • Francesco Mastromatteo nel barese il falegname è u meste d’ascje, non c’è storia
      7 settembre alle ore 9.44 · Mi piace · 1
    • Vincenzo Scarpello SALENTINO MEDIANO: Tie sii sciudeu, e li mesci falignami avi toi ficera la Cruce addhru nchiuara nosciu Signure Gisù Cristu. Pozzu sta ‘ncora nnu picca scujunatu pe’ quistu?
    • Marco Massara Ferrari Calabrese reggino della piana (cinquefrondese): tu si n’ebreu, e l’avi toi fallignami nci ficiaru a cruci aundi crucifissaru a lu Signuri; pozzu mu sugnu ancora ‘ncazzatu pe stu fattu?
    • Riccardo Rodelli Grande Albertone: Tie sinti nnu rrabbinu, l’antenati toi hannu fattu la cruce a ddu hannu nchiuatu nostru Signore Gesù Cristu, possu essere ncazzatu pe quistu?
    • Filippo Giorgianni SICILIANO (del messinese): “Tu sì ebbreu e i tò antnati – la “e” si sente e non si sente – faliggnami ficiru a cruci unni ‘nchiudaru nostru Signuri Gesù Cristu… Pozzu essiri ancora na picca ncazzatu pi stu fattu?”
      7 settembre alle ore 12.30 · Mi piace · 2
    • Marco Mancini AQUILANO: Tu sci ebbreo, e ji falegnami antenati té fecettero la croce addò hanno ‘nchioàtu Nostru Signore Ggisù Cristu. Pozzo stà ancora nu pocu ‘ncazzatu pe quesso? (ovviamente, questa è la versione più “semplice” dal punto di vista lessicale)
      7 settembre alle ore 12.44 · Mi piace · 1
    • Michele Gaslini Lombardo occidentale: ti te set voeun di Giudee, i to pader marangoun l’hann fà la Crous in doue l’è stà incioudaa el nost Schour Gesù Crist, poeudi vess ammò ‘n cicinin inversaa per chel robb chi?
      7 settembre alle ore 22.03 · Modificato · Mi piace · 2
    • Giampiero Tre Re Attia! Jureu puru tu si’, comu ‘u Signuruzzu, ‘a Bedda Matri, u Santu Patriarca San Ciusippuzzu travagghiaturi e tutti i megghiu santi ru’ Paraddisu? Veni ‘cca, rammi ‘na vasata, ca puru iu c’i chiantavu i chiova ‘o Signuri!
      7 settembre alle ore 13.50 · Mi piace · 1
    • Matteo Scalise Tu si n’ebbreu e l’antinati tua fhalignami hannu fravicatu a cruci dove m’ppindirunu nustru signuri Gesù Cristu. Puazzu essari ancora nu pocu n’cazzatu pì stu fattu?. Dialetto calabrese centro meridionale della zona di LAMEZIA TERME (CZ).
      7 settembre alle ore 14.08 · Mi piace · 1
    • Angela Aiello Tu sci giudeu e l’antenati tua falegnami ha favricatu la croce do ha ‘nghiodatu lo Signore noshtro Gesù Crishtu… putriu esse ‘ngora ‘nmoccò ‘ngazzatu pè shtu fattu ? Dialetto marchigiano del fermano
      7 settembre alle ore 16.33 · Mi piace · 1
    • Giovanni Santucci Assisi (Umbria): “tu se’ giudeo e ‘i antenate tue ‘on fatto la croce do’ ‘onno ‘nchiodato nostro Signore Gesù Cristo. Poss’esse ‘ncora ‘npo’ ‘ncazzato pe’ sto fatto?”
      7 settembre alle ore 22.06 · Mi piace · 3
    • Michelangelo QuisutDeus Rubino Può essere pericoloso, e in alcuni casi una semplificazione quasi criminale, affermare in continuazione che gli Ebrei hanno ucciso Cristo. Ma è certo che sarebbe non solo una semplificazione, ma addirittura una falsificazione, suggerire che l’unico ebreo coinvolto fosse l’ebreo che venne ucciso.
      (G.K.Chesterton)
    • 8 settembre alle ore 1.04 · Mi piace · 1
    • Giampiero Tre Re Con tutto il rispetto per Chesterton, costui ha detto anche cose più intelligenti. “Gli ebrei hanno ucciso Gesù Cristo” non solo è proposizione semplicistica e falsa ma soprattutto antistorica, perciò in sé priva di senso. Una lettura veramente rispettosa del racconto evangelico autorizza a dire solo che Gesù fu condannato in un processo farsa per lesa maestà, sullo sfondo di lotte dottrinali tra svariate fazioni politico religiose giudaiche (farisei, sadducei, zeloti, esseni, discepoli di Giovanni, erodiani…) alle quali Gesù partecipò attivamente a capo di uno di tali gruppi. Pertanto perfino non ebrei, come Pilato, giocarono un ruolo non secondario, ed Erode, che non era ebreo ma edomita.
    • Antonio Margheriti Mastino “alle quali Gesù partecipò attivamente a capo di uno di tali gruppi.” FALSO! FALSISSIMO!
      (ma non è questo il tema dello stato fb, non cominciamo col parlare di “buoi” e poi buttarla in “cornuti”.
      8 settembre alle ore 1.20 · Mi piace · 5
    • Antonio Margheriti Mastino rilassateve ogni tanto!
      8 settembre alle ore 1.20 · Mi piace · 1
    • Michelangelo QuisutDeus Rubino però sono curioso. Quale sarebbe la fazione di Gesù?
      8 settembre alle ore 1.21 · Mi piace · 1
    • Antonio Margheriti Mastino provo ad anticiparlo: “un gruppo di skinhead”
      8 settembre alle ore 1.26 · Mi piace · 2
    • Montgomery Scott Non so perchè, ma non ce Lo vedo insieme ai 12 a bere birra cantando “Fuhrer Fuhrer” durante l’ultima cena.
      8 settembre alle ore 1.31 · Mi piace · 4
    • Michelangelo QuisutDeus Rubino …soprattutto mi è parso di capire che Gesù sia morto semplicemente perchè si è trovato nel posto sbagliato e nel momento sbagliato, al centro di una banale disputa politica
      8 settembre alle ore 1.32 · Mi piace · 1
    • Antonio Margheriti Mastino No: è morto notoriamente di broncopolmonite. Poi si è svegliato: era solo una crisi catatonica (morte apparente). Siccome la cosa era imbarazzante, l’hanno fatto subito fuori e ne hanno occultato il cadavere, che se cerchi bene con gli archeologi lo ritrovi pure. Non fosse che è solo un mito e non è mai esistito. Era una leggenda metropolitana del Basso Impero, datosi che i romani allergici al lavoro s’addivertivano a cazzeggià alle terme. CREDO DI NON AVER TRALASCIATO NULLA DELLE MAGNIFICHE E PROGRESSISTE “SCOPERTE” DEL TEOLOGO “AGGIORNATO” E AL QUALE NON GLIELA FAI SOTTO IL NASO.
      8 settembre alle ore 1.42 · Mi piace · 5
    • Montgomery Scott Non erano state le scie chimiche ad ucciderlo, mentre tentava inutilmente di fermare HAARP?
      8 settembre alle ore 1.42 · Mi piace · 3
    • Francesco Mastromatteo Gesù è stato ucciso perchè una parte del popolo ebraico, capi e popolo, istigata da Satana, si è rifiutata di riconoscere in Lui il Messia, nonostante molti di loro sapessero chi fosse avendone ricevuto anche prove inconfutabili. I loro discendenti, in quanto seguaci del loro rifiuto, sono oggettivamente correi da un punto di vista morale, anche se soggettivamente ciascuno verrà giudicato a seconda della propria buona fede o meno.
      8 settembre alle ore 1.49 · Mi piace · 3
    • Francesco Mastromatteo questa dottrina però non può portare un cristiano ad odiare gli Ebrei semplicemente perchè l’odio è anticristiano e Cristo in persona li perdonò sulla croce. Ma la peggiore forma di antisemitismo sarebbe non pregare per la loro conversione
      8 settembre alle ore 1.51 · Mi piace · 5
    • Antonio Margheriti Mastino Ma la loro punizione l’hanno ricevuta: quegli ebrei lì, si estinsero 130 anni dopo la resurrezione di Cristo. Quel che venne dopo è altra cosa: è il rabbinismo, che nulla quasi c’entra con gli ebrei nei quali era nato Cristo e fra i quali aveva trovato il grosso dei suoi adepti, come pure i suoi persecutori e giustiziatori.
      8 settembre alle ore 2.03 · Mi piace · 5
    • Giorgio Tumminello Tu sì judiu e i to avi falignami ficiru na cruci unni inciuarunu u nostru Signuri Jesu Cristu…pi chistu puossu stari incazzatu ancora ora . “dialetto ibleo
    • Andrea Virga Essendo di origini miste, non conosco il dialetto.
    • Luca Armato ti sei in judeu e toi paii i lan fabbricau a crusce in cui u lan inciodau nosciu segnu jesu cristu ha su ancu arragia pe questu
    • Giampiero Tre Re Non credi tuttavia, Margheriti, che la curiosità di “Chi come Dio?”, che vorrebbe sapere quale fosse la fazione di Gesù, sia legittima e meriti d’essere soddisfatta? Una premessa di metodo, prima di rispondere: le proposizioni sulla responsabilità collettiva degli ebrei e dei loro discendenti sulla morte di Gesù sono affermazioni teologiche. Devono quindi non contraddire la testimonianza dei vangeli e in generale del Nuovo testamento anche sotto il profilo della storicità dei fatti ivi narrati. Che anche non ebrei abbiano partecipato alla morte di Gesù, non mi è stato contestato e neppure che esistesse una lotta intestina negli ambienti politico religiosi del giudaismo palestinese ai tempi di Gesù. Non credo di poter essere contestato, vangeli alla mano, se aggiungo che non tutte queste correnti, come i discepoli di Giovanni e alcune frange dei farisei, erano necessariamente ostili a Gesù.
      Gesù era a sua volta a capo di una di tali fazioni? Questo mi è stato contestato; ma ci sono parecchi passi neotestamentari che lo lasciano pensare, o meglio, autorizzano a credere che Gesù, il gruppo degli apostoli e dei discepoli apparissero alle autorità religiose del tempo come una setta o fazione tra le altre. Mi riferisco in particolare alla famosa sentenza di Gamaliele, riportata in Atti 5,35-39, in cui il più autorevole rabbino del tempo stabilisce un’analogia tra Gesù, Teuda e Giuda il Galileo, due sovversivi, questi ultimi, portatori di un messianismo di tipo politico.
      Naturalmente il discorso andrebbe ampliato, ma nessun antisemitismo si può fondare sul nuovo testamento, oltre che per il motivo, già addotto da Mastromatteo, della carità e riconciliazione universale predicate da Cristo, anzitutto perché contraddice la verità storica documentata dagli stessi vangeli.
      @Michelangelo, da un punto di vista strettamente storico Gesù non fu una vittima inconsapevole e inerme travolta dal caos politico-religioso del suo tempo, né un fanatico suicida, ma un rabbi che prese liberamente un’iniziativa e si sacrificò fino alla fine per la dottrina che annunziava, consapevole dei rischi mortali cui andava incontro e che puntualmente si concretizzarono.
      Una domanda a Mastromatteo: perché il peccato dei giudei dovrebbe trasmettersi ai loro discendenti secondo la carne e non il perdono ottenuto dal giudeo Gesù attraverso i suoi discendenti secondo la Grazia?
    • Francesco Mastromatteo non è assolutamente un discorso di “carne”, nulla potrebbe essere più estraneo rispetto al cristianesimo, che non crede certamente a tare “razziali”. Il discorso è di ordine morale e si sostanzia in questo: davanti alla venuta di Cristo, occorre schierarsi: o lo si riconosce come il Messia, o no. Un ebreo, se aderisce alla sua fede, non può che riconoscere come giusta l’uccisione di Cristo, visto dai suoi avi come uno squallido impostore che proclamandosi figlio di Dio aveva proferito la più grande bestemmia che si potesse udire in Israele. Quindi ne è moralmente correo, alla stessa stregua di un uomo che non rinnegando un crimine commesso dai suoi avi, implicitamente li giustifica. Un ebreo potrebbe dire in buona fede ” fossi vissuto allora non avrei riconosciuto Cristo come Messia, ma nemmeno lo avrei ucciso”? Sì, ma sarebbe una contraddizione, visto che per la legge del tempo, un simile atto blasfemo andava punito con la morte. O si è “garantisti” verso Cristo o si è ebrei coerenti, tertium non datur. Per cui, oggettivamente un circonciso ebreo, nella misura in cui appartiene a quella religione, va considerato moralmente correo del deicidio, ma poi, soggettivamente, verrà giudicato nel suo foro interno. Il perdono, com’è noto, non cancella la colpa, ma non ci autorizza ad odiare gli Ebrei, per i quali possiamo solo pregare, anche quando combattiamo gli effetti secolari del loro rifiuto di credere in Cristo, ovvero il suprematismo talmudico che in politica diventa sionismo razzista.
      8 settembre alle ore 19.47 · Mi piace · 1
    • Giuliano Quarto sono d’accordo in parte su quanto detto sopra. il sionismo razzista è stupido. nel mondo dello spettacolo è fortemente presente ed incide con dei gran coglioni tipo woody allen, gad lerner, moni ovadia per citarne due-tre.
      gran rispetto per il popolo di israele (soprattutto attuale) e per l’ebraismo serio.
      non dimentichiamo che il cristianesimo è nato comunque anche grazie all’ebraismo (paradossale ma così)
    • Francesco Mastromatteo c’è poi la questione posta dal Mastino, ovvero il fatto che dopo la distruzione del Tempio, e la conseguente diaspora, l’ebraismo ha perso i caratteri che lo rendevano ancora una religione mosaica, fondata sul sacrificio, per diventare un’appartenenza legalistica, fondata sul Talmud. Nei primi decenni dell’era volgare cristiani ed ebrei ancora si ritrovavano nelle sinagoghe per pregare. Nell’alto Medioevo, ancora la Chiesa teneva in una certa considerazione l’ebraismo, che era l’unica religione riconosciuta al di fuori del cristianesimo. Sinagoghe sorgevano ovunque indisturbate in Europa. L’atteggiamento di progressiva ghettizzazione è andato di pari passo con una chiusura spontanea degli Ebrei, che ha coinciso con l’abbandono della vecchia fede mosaica per la nuova talmudico-rabbinica, tant’è che alcuni Papi facevano bruciare il Talmud, com’è scritto in alcune bolle, “per tutelare l’antica fede giudaica”. Sono stati gli Ebrei, in un certo senso, a “tradire” sè stessi e le proprie origini, optando per una fede secolare basata sulla supremazia della mera discendenza carnale. Oggi infatti se si chiede a cento rabbini di definire l’ebraismo, probabilmente daranno cento risposte diverse, ma tutti concorderanno nel dire che è ebreo chi può dimostrare di essere figlio, o nipote di un’ebrea. Il legalismo talmudico ha generato il suprematismo politico-razziale sionista, che per l’ebraismo tradizionale suona come una bestemmia: solo il Messia può ripristinare il regno di Israele. Quanto più l’ebraismo tornerà alle sue radici spirituali bibiliche, tanto più potremo tornare a vederli come “fratelli maggiori”, ai quali porre la domanda evangelica: chi credete che Egli fosse?
      8 settembre alle ore 19.59 · Mi piace · 1
    • Giuliano Quarto grazie Francesco concordo su tutto. era proprio quello a cui mi riferivo
    • Francesco Mastromatteo chi ne volesse sapere di più, può cercare gli scritti di Israel Shahak, un ebreo sopravvisuto alle persecuzioni naziste, docente di chimica in Israele, che ha passato la vita a denunciare i crimini sionisti, evidenziandone le radici talmudiche: http://www.disinformazione.it/storia_ebraica.htm.

      disinformazione.it

      Storia ebraica e giudaismo di Israel Shahak
      8 settembre alle ore 20.04 · Mi piace · 1
    • Giampiero Tre Re “Un ebreo, se aderisce alla sua fede, non può che riconoscere come giusta l’uccisione di Cristo”. E’ la premessa da cui lei parte, caro Francesco Mastromatteo, che inficia tutto il suo ragionamento successivo. Basterà ricordare come moltissimi ebrei hanno riconosciuto Cristo come Figlio di Dio partendo proprio dal mirabile compimento che la parola, la morte e resurrezione di Cristo realizza dell’ebraismo. Mi limito a citare S. Teresa Benedetta della Croce, al secolo Edith Stein, proclamata santa da Giovanni Paolo II nel 1998, ebrea convertita senza mai sentirsi costretta a rinunciare al proprio ebraismo. Certo non fu facile: anche lei passò per il camino.
      Prevengo la possibile obiezione che anche i santi possono sbagliarsi, ricordando che le Scritture, invece, sono infallibili. E allora citerei Matteo 5,18 ma ancora più appropriatamente la figura di Giovanni il Battista, campione dell’ebraismo veterotestamentario, il primo a riconoscere in Gesù l’agnello di Dio, o la Trasfigurazione (Mt 17,13) in cui i fondatori dell’ebraismo, Mosè ed Elia, conversano con Gesù “della sua imminente dipartita a Gerusalemme” (Lc 9,31). Del resto la descrizione che ci vien data di Gesù nei Vangeli e la lettura di ogni buon ebreo libero da pregiudizi è quella che riconosce in Gesù un rabbi e un fratello giudeo osservante (Gv 8,46). Se fosse vera la sua premessa, Francesco, si arriverebbe all’assurdo che Gesù stesso dovrebbe avere approvato la propria condanna. La condanna di Gesù non fu dovuta come lei è costretto a concludere, dalla falsità della religione di Caifa, ma dalla sua (di Caifa) personale malafede e dalla manipolazione del processo. O dobbiamo sostenere che Hanna e Caifa fossero veri ebrei e d’Arimatea e Nicodemo no? Infatti, anche in seno all’élite dell’ebraismo, il Sinedrio, non mancò chi difese Gesù.
      Lei stesso, caro Francesco, ricorda che in tutto il Medioevo per la Chiesa l’ebraismo era “l’unica religione riconosciuta al di fuori del cristianesimo”. Ma ciò è in aperta contraddizione con la sua premessa (se n’è accorto?).
      Ma forse lei vuole dire che se un ebreo aderisce al giudaismo talmudico-rabbinico allora non può che riconoscere come giusta l’uccisione di Cristo? Ma che c’entra allora l’antisemitismo con l’accusa di deicidio e la discendenza e gli avi ecc. visto che tra la condanna di Gesù e la stesura scritta del nucleo più antico del talmud passano duecento anni? Di fatto non si fa menzione del Talmud nei vangeli e non è in nome del Talmud che Gesù fu condannato.
      Se il discorso, come lei stesso dice, Francesco, ” è di ordine morale” allora parliamo comunque di un giudizio su scelte personali, non di una religione come tale. Infatti, continua lei, questo discorso si “sostanzia nello schierarsi pro o contro Cristo”. Ma l’antisemitismo colpisce gli ebrei in quanto collettività, non come singoli, anche chi questa scelta personale formalmente contro Cristo non l’ha fatta.
      Ancora: nel secondo dei suoi ultimi due commenti lei si riallaccia ad un’affermazione erronea di Mastino, il quale sostiene, a detta sua, Francesco, che dopo la diaspora “l’ebraismo ha perso i caratteri che lo rendevano ancora una religione mosaica, fondata sul sacrificio”. In realtà, conseguente alla distruzione di Gerusalemme nel 70 è la fine del culto del tempio, non delle liturgie familiari, pure di tipo sacrificale, che sono quelle che propriamente risalgono a Mosè, ed ancor prima ai patriarchi. Ne consegue che il sacrificio di Cristo sulla croce ha abrogato il tempio, non la religione ebraica e tanto meno la Torah. Tant’è vero che sia la liturgia familiare dell’offerta del pane e del vino che le Sacre Scritture sopravvivono nella prassi liturgica trasmessa da Cristo agli apostoli fino ai nostri giorni.
      Infine: l’argomento teologico insormontabile contro qualsiasi antisemitismo o razzismo di ogni risma e tipo è che nessuna potenza o volontà mondana di peccato può prevalere sulla divina volontà di perdono universale, manifestata nella morte e resurrezione di Cristo: “Non c’è più né giudeo né greco”. Solo Cristo.
      Un abbraccio. Giampiero.
    • Francesco Mastromatteo non capisco come si possa considerare ebreo uno che si è convertito… gli apostoli, Maria Vergine, Teresa Benedetta della Croce hanno smesso di essere ebrei, sono diventati cristiani… e trovo veramente assurdo tirare in ballo lo spettro dell’antisemitismo in un discorso teologico, visto che è antisemita chi attribuisce determinati caratteri negativi a una presunta razza ebraica, un discorso che non c’entra nulla con la religione (a parte che il termine è improprio, visto che semiti sono anche gli arabi). Sul resto le rispondo domani
      9 settembre alle ore 2.28 · Modificato · Mi piace · 1
    • Francesco Mastromatteo “Un ebreo, se aderisce alla sua fede, non può che riconoscere come giusta l’uccisione di Cristo”. E’ la premessa da cui lei parte, caro Francesco Mastromatteo, che inficia tutto il suo ragionamento successivo. Basterà ricordare come moltissimi ebrei hanno riconosciuto Cristo come Figlio di Dio partendo proprio dal mirabile compimento che la parola, la morte e resurrezione di Cristo realizza dell’ebraismo. Mi limito a citare S. Teresa Benedetta della Croce, al secolo Edith Stein, proclamata santa da Giovanni Paolo II nel 1998, ebrea convertita senza mai sentirsi costretta a rinunciare al proprio ebraismo. Certo non fu facile: anche lei passò per il camino.”Come dicevo ieri c’è una bella differenza tra un ebreo che riconosce Cristo e uno che non lo fa… i santi che si sono convertiti, hanno abbandonato i rami ormai secchi dell’ebraismo per innestarsi sull’albero della rivelazione definitiva compiuta con il Nuovo Testamento. Se poi lei pensa che un ebreo si possa salvare a prescindere dalla sua adesione a Cristo, solo sulla base della sua circoncisione, allora mi chiedo che differenza ci sia nell’essere ebrei e cattolici, e che necessità ci sia di convertirsi…“Prevengo la possibile obiezione che anche i santi possono sbagliarsi, ricordando che le Scritture, invece, sono infallibili. E allora citerei Matteo 5,18 ma ancora più appropriatamente la figura di Giovanni il Battista, campione dell’ebraismo veterotestamentario, il primo a riconoscere in Gesù l’agnello di Dio, o la Trasfigurazione (Mt 17,13) in cui i fondatori dell’ebraismo, Mosè ed Elia, conversano con Gesù “della sua imminente dipartita a Gerusalemme” (Lc 9,31). Del resto la descrizione che ci vien data di Gesù nei Vangeli e la lettura di ogni buon ebreo libero da pregiudizi è quella che riconosce in Gesù un rabbi e un fratello giudeo osservante (Gv 8,46). Se fosse vera la sua premessa, Francesco, si arriverebbe all’assurdo che Gesù stesso dovrebbe avere approvato la propria condanna. La condanna di Gesù non fu dovuta come lei è costretto a concludere, dalla falsità della religione di Caifa, ma dalla sua (di Caifa) personale malafede e dalla manipolazione del processo. O dobbiamo sostenere che Hanna e Caifa fossero veri ebrei e d’Arimatea e Nicodemo no? Infatti, anche in seno all’élite dell’ebraismo, il Sinedrio, non mancò chi difese Gesù.”Argomentazione assurda, per il discorso che facevo prima: Giovanni Battista, i Patriarchi liberati da Cristo nella sua discesa agli inferi, gli apostoli e tutti i seguaci di Gesù hanno creduto alla sua messianicità, gli altri no. Lei la vede la differenza o è la stessa cosa credere o non credere che Gesù sia il Messia?“Lei stesso, caro Francesco, ricorda che in tutto il Medioevo per la Chiesa l’ebraismo era “l’unica religione riconosciuta al di fuori del cristianesimo”. Ma ciò è in aperta contraddizione con la sua premessa (se n’è accorto?)”Non c’è contraddizione, per il motivo che il giudaismo talmudico si è costruito nei secoli e ci ha messo del tempo per soppiantare l’antico ebraismo mosaico, per la quale la Chiesa ha sempre mostato rispetto, pur nel rifiuto di riconoscere Cristo come Messia.“Ma forse lei vuole dire che se un ebreo aderisce al giudaismo talmudico-rabbinico allora non può che riconoscere come giusta l’uccisione di Cristo? Ma che c’entra allora l’antisemitismo con l’accusa di deicidio e la discendenza e gli avi ecc. visto che tra la condanna di Gesù e la stesura scritta del nucleo più antico del talmud passano duecento anni? Di fatto non si fa menzione del Talmud nei vangeli e non è in nome del Talmud che Gesù fu condannato.”
      Io mi chiedo cosa c’entri l’antisemitismo con questo ragionamento: qui nessuno è antisemita e anzi ho detto che l’antisemitismo (sarebbe meglio dire antigiudaismo razziale) è intrinsecamente anticristiano.“Se il discorso, come lei stesso dice, Francesco, ” è di ordine morale” allora parliamo comunque di un giudizio su scelte personali, non di una religione come tale. Infatti, continua lei, questo discorso si “sostanzia nello schierarsi pro o contro Cristo”. Ma l’antisemitismo colpisce gli ebrei in quanto collettività, non come singoli, anche chi questa scelta personale formalmente contro Cristo non l’ha fatta.”Non lo metto in dubbio, ma ripeto, cosa c’entra l’antisemitismo con questo discorso teologico?“Ancora: nel secondo dei suoi ultimi due commenti lei si riallaccia ad un’affermazione erronea di Mastino, il quale sostiene, a detta sua, Francesco, che dopo la diaspora “l’ebraismo ha perso i caratteri che lo rendevano ancora una religione mosaica, fondata sul sacrificio”. In realtà, conseguente alla distruzione di Gerusalemme nel 70 è la fine del culto del tempio, non delle liturgie familiari, pure di tipo sacrificale, che sono quelle che propriamente risalgono a Mosè, ed ancor prima ai patriarchi. Ne consegue che il sacrificio di Cristo sulla croce ha abrogato il tempio, non la religione ebraica e tanto meno la Torah. Tant’è vero che sia la liturgia familiare dell’offerta del pane e del vino che le Sacre Scritture sopravvivono nella prassi liturgica trasmessa da Cristo agli apostoli fino ai nostri giorni.”
      La venuta di Cristo, mi spiace contraddirla, ha abrogato eccome la religione ebraica. Altrimenti mi spieghi come mai noi non pratichiamo più quei riti, tipo la Pasqua veterotestamentaria. Il Sacrificio della Messa, che ripete quello del Calvario, che c’entra con le pratiche che gli Ebrei compiono ancora oggi, evidentemente non credendo a quel Sacrificio? Ancora una volta sembra che per lei credere o non credere in Cristo sia un optional superfluo… invece è uno spartiacque che divide come un abisso chi ancora resta attaccato alla pianta ormai secca dell’ebraismo e chi invece crede a Gesù Cristo
      “Infine: l’argomento teologico insormontabile contro qualsiasi antisemitismo o razzismo di ogni risma e tipo è che nessuna potenza o volontà mondana di peccato può prevalere sulla divina volontà di perdono universale, manifestata nella morte e resurrezione di Cristo: “Non c’è più né giudeo né greco”. Solo Cristo.
      Un abbraccio. Giampiero.”Qui è lei a contraddirsi: se “non c’è più giudeo” allora la religione ebraica non ha più senso, no? Esistono solo cristiani, il nuovo Israele è la Chiesa… e ancora una volta: cosa c’entra l’antisemitismo – che nessuno qui propugna – con questo discorso?
      9 settembre alle ore 16.03 · Modificato · Mi piace · 1
    • Giampiero Tre Re La prego di notare, caro Francesco, che il primo a usare la parola “antisemitismo” è stato proprio lei, nel commento dell’8 settembre alle ore 1:51. Nel post delle 19:47 del medesimo giorno lei si è espresso testualmente come segue:
      “oggettivamente un circonciso ebreo, nella misura in cui appartiene a quella religione, va considerato moralmente correo del deicidio”.
      Naturalmente lei può sostenere che una frase del genere non sia antisemita, sebbene rientri nelle definizioni comunemente accettate di “antisemitismo religioso” o antigiudaismo, perché, come lei ci ha spiegato, “antisemitismo” è solo quello a sfondo razziale, e che la proposizione sopra riportata va letta come asserto teologico.
      Io accetto questa sua linea di difesa, perché sono in grado di dimostrarla falsa proprio sotto il profilo teologico, oltre che storico, morale (come ho già fatto) e perfino logico (se un ebreo non crede che Gesù sia Dio come può moralmente essere accusato di “deicidio” mancandone la piena avvertenza?).
      “Non c’è più giudeo né greco” è frase paolina che non è da intendere né nel senso che non esiste più la stirpe di Giuda (la quale, com’è noto, unica tra gli israeliti, esiste tuttora, mentre, semmai, non esistono più “quei” greci cui si riferisce Paolo); né che la religione ebraica sarebbe stata abrogata (solo alcuni riti, come il culto centralizzato, il Tempio e singole norme di purità lo sono state; il culto sinogogale, i riti familiari, le feste, le Scritture perdurano tuttora). La frase va intesa nel senso che, con la morte di Cristo, Dio non fa più differenza tra ebrei e non, in ordine alla possibilità di salvarsi. Quindi, nessuna contraddizione da parte mia. Che c’entra l’antisemitismo con la teologia?, lei mi chiede. C’entra, e molto, perché l’ebraismo è sì una religione, ma anche, ed inscindibilmente, una nazione. Parlando dei Giudei è teologicamente impossibile separare tale discorso dal suo radicamento storico secondo una ben precisa genealogia. L’ebraismo e il cristianesimo sono religioni storiche, il che significa che, prima d’essere dottrine teologiche, queste due religioni sono un’esperienza di Dio. Che il cristianesimo più che una religione è un evento significa anzitutto che la Resurrezione è un fatto realmente accaduto, ma anche che Cristo stesso ha un passato, una precisa identità culturale, una tradizione morale e di valori entro cui storicamente crebbe la sua autocoscienza divina. Questa storia è però una storia della salvezza. Per questo la storia d’Israele appare allo sguardo teologico in forma prolettica: le svolte fondamentali dell’avanzamento storico del popolo di Dio, il significato e i motivi delle sue stesse origini nel tempo si trovano in una “promessa”, in un intervento divino collocato nell’indisponibilità di un orizzonte futuro. Non solo Israele è la prova vivente dell’esistenza di Dio, ma la sola ragione dell’esistenza degli ebrei è che da loro doveva uscire il Salvatore secondo la carne. E’ per riguardo a questo Figlio eletto della stirpe di Giuda, che Dio manterrà fino alla fine dei tempi la promessa fatta ad Abramo: una discendenza senza fine, anche secondo la carne. Ed è questo il modo proprio del popolo ebraico d’essere ordinato a Cristo e la funzione storica che continua tuttora a svolgere nell’economia salvifica. Riconosco che l’affermazione da lei fatta a proposito del giudaismo talmudico come sviamento dalla genuina fede mosaica conseguente al mancato riconoscimento del suo vero compimento in Cristo può essere un’ipotesi teologica che si può vagliare. Ma non è questo il nocciolo del nostro dialogo. Il giudaismo talmudico è una corrente, una confessione, una parentesi storica, un fatto contingente nell’ebraismo, ma, soprattutto ad uno sguardo cristiano, non ne esaurisce l’essenza, che è quella di cui s’è detto.Veniamo allora al vero motore delle obiezioni che lei mi rivolge: lei mi chiede con insistenza se io veda o no la differenza tra credere o no che Gesù sia il Messia. Naturalmente sì. Ma sostenere, caro Francesco, che la sua proposizione: “Un ebreo, se aderisce alla sua fede, non può che riconoscere come giusta l’uccisione di Cristo” sia falsa, non implica affatto, come lei mi attribuisce, concludere che credere o no nel messianismo di Cristo sia indifferente per la salvezza. Così come il fatto che il Battista, i santi profeti i Patriarchi abbiano creduto a Cristo disceso agli inferi non suppone affatto la loro abiura dell’ebraismo o addirittura che l’ebraismo sia falso o contenga errori che obblighino chi lo abbraccia di rifiutare la dignità messianica di Gesù. Molte prove scritturistiche possono essere portate, a partire da Gesù stesso: “Non sono venuto ad abrogare la legge, ma a compierla”, “ogni scriba divenuto discepolo del Regno dei Cieli è simile ad un padrone di casa che trae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche”…
      Paolo si proclama ebreo della tribù di Beniamino, Pietro, invece, in ciò rimproverato da Paolo, evita di frequentare i cristiani ellenistici, per non esporsi alle critiche dei giudeo-cristiani di non osservare le norme rituali ebraiche di purità (prova del fatto che quest’ultimo gruppo ecclesiale continuava ad osservarle, senza che Pietro trovasse nulla da ridire). Al concilio di Gerusalemme ai cristiani ellenistici non viene imposta la circoncisione, segno che i giudeo-cristiani continuavano a ritenerla obbligatoria, almeno per sé stessi.
      Potremmo continuare così, con interi libri del Nuovo Testamento, come la Lettera agli Ebrei o l’Apocalisse, chiaramente di ambiente giudeo-cristiano. La religione ebraica, essendo rivelata, per noi cristiani, non può contenere errori. I santi dell’Antica Alleanza e i santi giudeo cristiani, semmai, TRASCESERO le proprie credenze ebraiche, ma certamente non dovettero rinunziare ad esse neppure per una virgola, un iota o un apice.
      “Signore, cos’ha trovato chi ti ha perduto? E cosa ha perduto chi ti ha trovato?”
    • Antonio Margheriti Mastino e che è la Treccani!
    • Giampiero Tre Re Solo Domini… cani.
    • Carlo Andrea Corsini te ti un giudeo,i tu antené falegnam ian fat la crous inveta alla quel ian inciudè noster Sgnour Gesù Crest…posia esser anc un poc incazzé per ste fat?
      10 settembre alle ore 2.02 · Mi piace · 1
    • Carlo Andrea Corsini bassa Bolognese
    • Paolo Balduini PIACENTINO-CASTELLANO: Ti t’è un giudè e i to vech, maringon, ian fat la crus dua ian inciudè al Signur! Pos es ancura un po’ icasè par ‘sta roba?
      10 settembre alle ore 2.05 · Mi piace · 1
    • Claudio Gabbi A t’se un giudeo e i to antenè marangon ian fabrichèe la cros in do ian incioldèe al noster Sgnor Gesù Crist. Posia eser ancora un pòo instisèe per col fat che😉
  1. 20 settembre 2012 alle 7:43

    Reblogged this on radicimolesi.

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: