Roberto Lopes, Tu, da che parte stai?

Tu, da che parte stai?
Il martirio di P. Pino Puglisi

Atto unico

di ROBERTO LOPES

L’A. (Mezzojuso, Palermo, 1958) saggista, musicista, scrittore per il teatro, è docente di filosofia nelle scuole superiori di Palermo. L’atto unico “Tu, da che parte stai?” è stato rappresentato per la prima volta presso l’Auditorium “SS.mo Salvatore” di Palermo il 19 settembre 1994, nel contesto delle celebrazioni per il primo anniversario della morte di Padre Pino Puglisi ed in seguito replicato numerose volte in Italia da compagnie filodrammatiche studentesche.

PERSONAGGI
Vicina di casa

Padre Pino Puglisi ( PPP)

Killer ( KK)

Giovane studente del Liceo Vittorio Emanuele II di Palermo

1 passante

2 passante

3 passante

4 passante

5 passante

Coro

PER OGNI COSA

Per ogni cosa c’è il proprio tempo
per ogni momento sotto il sole d’oro.

Tempo di nascere tempo di morire
tempo di piantare e di sradicare
tempo di uccidere tempo di curare
di demolire e di costruire
tempo per piangere tempo per ridere
tempo di lutto tempo d’allegria
tempo di gettare, tempo di raccogliere
(tempo) di abbracciare e di allontanarsi.

Per ogni cosa c’è il proprio tempo
per ogni momento sotto il sole d’oro.

Tempo di cercare tempo di perdere
di conservare tempo di gettare
tempo di stracciare tempo di cucire
tempo di tacere tempo di parlare
tempo d’amare tempo d’odiare
tempo per la guerra tempo per la pace.
Per ogni cosa c’è il proprio tempo
per ogni momento sotto il sole d’oro.
{PPP armeggia con le chiavi)

DONNA – Padre Puglisi.

PPP – Signora, mi dica.

DONNA – Vinni un cristianu a circallu.
PPP – Come si chiamava?

DONNA – U dissi, ma iu mu scurdavu. Era unu c’un pani ri baffi raccussì. Dici ca era ru Cutrànu.

PPP – Fulippu.

DONNA – Comu?

PPP – Fulippu. Si chiamava Filippo?

DONNA – Sé, ora mi ricordu: Fulippu.

PPP – E chi vuleva?

DONNA – Nenti, ci purtau sta sporta e stu buttigghiuni.

PPP – (da uno sguardo dentro l’involto) Du’ vasteddi di cascavaddu… e u vinu. Tinissi, si ni pigghiassi una.

DONNA – E nca picchi mi ni runa una, a mia?

PPP – A mia , mi n’abbasta una.

DONNA – Grazzi tanti, mi ni trasu.

PPP – (armeggia di nuovo con le chiavi) E chista ‘un è… e chista mancu… Chista, forsi… mancu. Aspetta, ca ti trovu e tuttu va a finiri… cu una bella scatoletta di carne argentina made in Italy e cascavaddu ru Cutrànu.

KK- Monsignore!

PPP – To patri.

KK- Monsignore Puglisi…
PPP- Ti dissi, tu e tto patri!

KK – Sempri o sòlitu, ah. Padre Pino Puglisi.

PPP – Ah, tu sì? Chi ci fai cca? Ti posso essere utile?

KK – Ti posso essere utile? Ormai ‘un pò sèrviri cchiu a nenti..

PPP – Eh, pure da morti si può essere utili.

KK – Chistu u dici vossìa, iu sacciu ca doppu mortu c’è sulu nìuru, friddu e silenziu. Vuatri parrini ni ‘ncucchiati ca c’è n’atra vita: ma cu l’ha vistu mai? Ni inchiti a testa di chiacchiari… u pararisu… A virità è ca puru mentri campamu già purtamu a simenza ra morti…

PPP – Nenti di meno…

KK- …ca pò veniri r’un mumentu all’autru. E nuatri u sapemu bonu.

PPP – Nuatri,cui?

KK – Nuatri…(indica tutt’e due) nuatri e ci siti puru vuatri.

PPP – Puru nuatri,dici?

KK – ‘Nca picchi,vuatri parrina e tutti i parrinara un diciti ca semu terra, polvere. “Polvere siamo ed in polvere ritorneremo”.

PPP – Sì, lo diciamo il mercoledì delle ceneri.

KK – Per l’appunto, al catechismo vostro mi hanno imparato questo: “Fratello, ricordati che devi morire”.

PPP -Hai ragione.

KK – E poi mi hanno imparato un altro catechismo che è lo stesso antifico di quello vostro: ricordati che la morte è sempre a portata di mano, la vita r’un cristianu vali picca, e perciò bisogna stari sempre all’erta, picchì la morti è sicura e cu ‘u sapi chi c’è ddoppu.

AI CONFINI DELLA VITA

Ai confini della vita
chissà cosa ci sarà
io sono sicuro che
qualcosa si troverà
il domani si troverà.

Ai confini della tua vita
forse un uomo ci sarà
chissà se lo prenderai sul serio
chissà se sarà vero
chissà se sarà vero.

Io t’aspetterò
quando tu verrai.
Io t’aspetterò
quando tu verrai.

Ai confini della mia vita
forse un uomo ci sarà già
chissà se si ricorderà di me
chissà se è fermo già là
chissà se mi ricorderò di lui
chissà se si ricorderà di me.

Io t’aspetterò
quando lui verrà.
Io t’aspetterò
quando tu verrai.

Cosa si può dire ancora
cosa si può sperare
cosa si può sperimentare
per non rimanere
ingabbiati in questo cielo
intrappolati dai nostri occhi
inghiottiti da questo mondo
vissuti da questa vita.

Io t’aspetterò
quando tu verrai…

PPP – E certamente noi dobbiamo essere sempre con la valigia e «ca truscia pronta» per oltrepassare il confine della vita e consegnarci al datore della vita.

KK – U fattu è ca ricìti accussì, ma tutti i parrini sunnu attaccati e appiccicati e picciuli, a telefonini, a quatri e collani d’oru. C’era patri Austinu ca nun babbiava. E nun parramu di Fra Giacintu: mobili ricircati, libbra di valuri, televisioni a culuri cu telecumandu, bar personali intra u cummentu, Johnny Walker etichetta nera, giradischi ad alta fedeltà, e tanti autri cosi. Canusciu un monsignori c’avi a càmmara china di quatri antichi, ci nn’è unu ca dici ca è bizantinu dell’800, ma non del 1800, 800 sulu, ca vali tanti sordi e poi avi a pinsari ca tantu è attaccatu e sordi ca ‘mbrogghia puru i carti pi pigghiarisi a rerità r’una povira sbinturata.

PPP – Può essere, ma i ministri di Dio non sono tutti così. Ma scusa, perché non ti sei fatto più vedere al centro sociale? T’avevo fatto cercare. Come mai ora sei venuto a cercarmi? Perché sei qua?

KK –Picchì sugnu ccà? Sugnu ccà picchi ormai aviti stancatu a quarcunu.

PPP – Sto dando fastidio a qualcuno? E a chi?

KK – A chi? Vuatri ‘u putiti capìri (estrae la pistola).

PPP – Me l’aspettavo. Perché hanno mandato te e non sono venuti loro?

KK – Chi importanza avi? Mannàru a mia ca è a stissa cosa. Tantu, ora tuccau a mia d’aggiustari sta facenna, pò essiri ca tra quarchi misi, tra quarchi annu o tra quarchi jornu tocca a mme frati, a mme cuginu r’ammazzari a mmia. Chistu è l’omu d’onoru: campari sempri cu scantu in corpu, aspittannu sempri u peggiu, sicuru sulu ca a morti è darrè ra porta e pò tràsiri r’un mumentu all’autru: a vita è comu u chiantu d’un carùsu: ora c’è, doppu n’anticchia nun c’è cchiù; comu una palluzza di sapuni, ca s’a tocchi si rumpi subitu. L’omu, chistu è.

SETTE OTTO SPANNE D’UOMO

Sette otto spanne d’uomo
viaggi la tua vita dall’utero al sepolcro
parentesi infinita d’occasioni mancate
di facce mai guardate di cuori mai toccati
di tombe mai piante
di una storia di miseria
di mani incanutite anzitempo.

Di un futuro ormai troppo passato
di un presente da tempo troppo usato
ho vissuto la tua morte
sulla pelle dei fratelli
ho vissuto la mia morte su di te.
Volere e intelligenza
sono ormai lontani.
Sapienza e amore,
non vogliate toccarmi!

Sette otto spanne d’uomo
viaggi la tua vita
dall’utero al sepolcro
cloaca d’incertezza
paladino indefesso
d’aborti di pensiero
di uomini senza sesso.
Letame rivoltato
araldo infangato
gloria e rifiuto
dell’intero universo.
PPP – Tu dici che la vita dell’uomo è attaccata a un filo di capello, ma allora, qual è il progetto tuo e di chi ti comanda?

KK – Noi non abbiamo nessun progetto. Ma poi a vossìa chi c’interessa? Staiu parrànnu troppu assai.

PPP – Ma tu ci hai pensato?

KK -Ma a chi cosa?

PPP – A quello che stai facendo e ai tuoi progetti…

KK – Iu? Ma a mmia mi dissiru sulu: «Leva ri mmenzu a stu parrinu ca tu canusci, picchi ni sta rumpennu i cugghiuna. Cca ci sunnu 250.000 liri. Nun ci sunnu periculi. Nun è scortatu comu autri parrini e perciò è un travagghiu lisciu lisciu comu l’ogghiu».

PPP – Duecentocinquantamila lire?

KK – Sunnu assai, veru?

PPP – Certo, per me sono anche troppe: valgo molto meno.

KK – ‘Nzumma, chisti mi dettiru e pi mmia su bboni, ca mi sérvinu.

PPP – Che cosa ci fai?

KK – Ci devo fare un regalo a ‘na picciotta. Ma chiossà picchi chista è a prova pi putiri trasiri nta famigghia.

PPP – Nta famigghia?

KK – Sì, nta famigghia, e poi pozzu comannari, guaragnari sordi, aviri i Ferrari, fimmini, vistiti, rispettu, amici e favura pi mmia e pi me parenti e amici e…soddisfazioni…

PPP – Soddisfazioni? Che tipo di soddisfazioni?

KK- I nostri affari: traffico di droga, contrabbando di sigarette, di armi, appalti, traffici di bambini, sbarco di clandestini, estorsioni.
E…regali. Sì, pozzu fari tanti regali…Mi devo divertire a fare regali…
GIOVANE – Padre Puglisi,… ah,… vedo che è in compagnia… dovrei parlarle.

PPP – È una cosa urgente?
GIOVANE – La questione si è complicata ulteriormente. Non so come devo comportarmi, cosa devo fare. L’ho cercata ma m’hanno detto che era molto impegnato. Ci possiamo vedere domani?

PPP – Domani? Spero di sì.

GIOVANE – E allora, a che ora?

PPP – Se ci diamo appuntamento alle nove al Vittorio Emanuele, alle dieci dovrei arrivare.

GIOVANE – E se alle undici non è ancora arrivato?

PPP – Beh, a mezzogiorno te ne vai. (Accennando a un sorriso di intesa) Sta’ tranquillo. Non ti preoccupare: alle nove sarò a scuola.

GIOVANE -Vabbé, ci vediamo domani.

PPP – Ti saluto e… ‘un ti perdiri.( Il giovane va via)

KK – Ma nzumma, ora e ffari chiddu ca s’av’a ffari.

PPP – Perché lo fai?

KK- Perché lo fai? Picchi, puru si vulissi, ormai ‘un mi pozzu tirari ntarré.

PPP – Ma se tu vuoi, puoi sempre rinunciare…

KK – Nun è accussì facili. Na vota ca si duna un ordini nta famigghia, si deve eseguire. Quando un uomo d’onore riceve l’ordine di ammazzari, nel 99% nun avi altra alternativa ca chidda d’ammazzari. Se io devo ammazzare, ammazzo. Senza fari tante domanni e senza pinsarici ncapu. Senza scantu, senza mussiari e senza pietà. Cu si scanta d’ammazzari è un uomo morto. Pò puru capitari d’ammazzari a mme frati, a mme cugnatu, comu successi pi Fulippu Marchesi: s’av’a ffari! Ma sinnò, sugnu un omu mortu. Dunqui, sugnu obbligatu a fallu.

COS’E’ L’UOMO

Cos’è l’uomo
condannato alla sua libertà
volente non volutosi
sogno di un’ombra.

Misero e grande
curioso del si dice
amante della chiacchiera
affamato di senso

Bestia e angelo
simbolo e diavolo
sognatore del mondo
cercatore del profondo.

Canna pensante
nobile e vanesio
ricco sempre inquieto
schiavo degli idola e
capace capace d’infinito.

Cos’è l’uomo
condannato alla tua libertà
volente non volutosi
sogno di un ‘ ombra.

Persuaso allo sterminio
signore del destino
tessera della storia
gloria dell’universo.

Radici e terra
nomade d’amore
signore del sermone
inutile passione.

Fascio d’impressioni
animale d’abitudine
campione d’inettitudine
corda tesa tra il nulla
tra il nulla e l’infinito.

KK – Parrinu, pripàrati a moriri.

PPP – La morte, l’avevo prevista e messa nel conto fin dal mio arrivo a Brancaccio, anzi a Godrano e per la precisione quando ho detto «sì». Ma, aspetta, non si potrebbe ragionare un po’?

KK – Ma che vuole ragionare, ormai? Vossìa ha rotto le scatole, si è impicciato troppo e perciò avi a moriri.

PPP – E cosa dovevo fare?

KK- Ci avìa a pinzari prima e s’avìa a ffari i cazzi soi, comu fannu tutti i parrini ca s’arrispettanu.

PPP – Comu fannu? E io, c’avìa a ffari?

KK – Ci facìa organizzari a festa del nostro Santo Patrono a ddi personi chi sapi, lassava stari i picciotti nta strata e u scantinatu unni era.

PPP – Dovevo chiudere il centro sociale, dovevo celebrare la messa e non pronunciare vive e vibranti omelie contro i vigliacchi e gli sciacalli che fanno morire i giovani di droga, contro chi tiene i piccoli del Regno sotto la pressa della paura e della povertà, del dolore e della morte? Dovevo solo celebrare astratti, disincarnati e asettici sacramenti che non interessano più a nessuno: prime comunioni, matrimoni e funerali…?

KK- E poi nun c’era bisognu ri fari tantu scrusciu, ri fari tantu tifu per i signori Falcone e Borsellino.

PPP – E mancu c’era bisognu ri chiamari il signor Violante, è vero?

KK – Ma chiò’ssà, ‘un avìa a furriari di continuo curtigghia e vanedda, porti e purtuna a parrari cu chistu e cu chiddu, chi cani e chi atti purtannu pasta e zuccaru. Nzumma, avìa a ffari comu chisti ccà.
(Dall’inizio del dialogo decine di spettatori, ognuno con la propria sedia, si sono via via posizionati nel proscenio, come ad assistere ad uno spettacolo).
PPP – E comu fannu chisti ccà?
KK – Stannu assittati e si talìanu a partita, pi vìriri cu vinci, e fannu tifu ora pi nuatri e ora pi vuatri. Chisti, quannu c’è timpesta, si chiùinu. Sapìti comu si dici? «Calati juncu ca passa la china». E sulu in Sicilia sunnu quasi quattru miliuna.
PPP – Sì, ma molti cominciano ad alzarsi ed a parlare.

KK – Ma «a megghiu parola è chidda ca nun si dici» e perciò finèmula chi chiacchiari e iamu o fattu.

PPP – Ti prego, se possibile, evitiamo questo peccato.

KK – No, ormai è deciso.

PPP – Ti prego, anche tu in fondo sei una creatura di Dio. Credo tu sia battezzato, o no?

KK- Certo! Chi veni a diri?! Sugnu battiatu, crisimatu e devotu a San Micheli Arcancilu e a Maronna ra Nunziata… U viri? Haiu puru i santuzzi nto portafogghiu: ci nn’è ri tutti i santi, (estrae e fa vedere una miriade di santini).

PPP – E allora non puoi togliere la vita di un uomo. Il Vangelo di Gesù Cristo, i santi e la Madonna non vogliono!

KK – Chi c’entra?! I Santi, Cristu e a Maronna non si devono impicciare di queste cose.

PPP – Ma come. Gesù Cristo non si deve interessare della vita dei suoi fratelli? Ma solo Dio è il padre della luce e il datore della vita: a Lui solo dobbiamo ubbidire ciecamente.

KK – Io devo ubbidire senza discussioni al mio padrino.

PPP – Ma non puoi ubbidire totalmente a un altro uomo, saresti un burattino, un “pupo”.

KK- Un “pupo”?

PPP- Un “ pupo”, certo, perché chi ubbidisce senza discussioni ad un altro uomo come lui per ammazzare un amico, un parente stretto, un innocente solo per fare carriera e guadagnare piccioli, per diventare potente e per fare ingrassare i boss non è altro che “ pupo “ che ha perso il cuore , i sentimenti e la dignità di uomo, ed è manovrato da un puparo che si merita una sputazzata …….e perciò, ascoltami, non puoi ubbidire ciecamente nemmeno a chi ti ha dato un lavoro o il potere, il prestigio. Tu sei importante quanto lui di fronte a Dio. Tutti abbiamo la libertà e uguale dignità perché tutti figli dello stesso Dio che ci ha fatti per la santità e come Lui che è amore e perciò Vita e non morte. Ti prego, per la tua salvezza, acchiàna a pigghiari un muccuni cu mmia, ca oggi è a me festa e…… nun fari u pupu.

KK – ( momento di esitazione e poi ) Pi favuri, ‘un mi ricissi accussì. Si iu ‘un fazzu chistu, lo capisci vossìa che tutti accumincianu a ribellarisi? E unni iamu a finiri? Iamu a finiri ca l’onorevuli nun voli aggiustare i processi, i duttura ‘un fannu i certificati ca ni servinu, i commercianti nun pagami u pizzu e l’impiegati nun ci sarvanu u postu nto protocollu. U vitti comu ci finìu a chiddu ca ‘un vulìa pagari? Comu si chiamava, Grassu? No, Grassi, Libero Grassi si chiamava. E comu ci finiu a chiddu can un vulia farinni i certificati giusti ca si chiamava Giaccone. E comu mi po’ finiri ora a mmia? Nzumma, ora basta. Si ricissi i so prieri, ca iu mi ricu i mia.

PPP – Padre nostro che sei nei cieli,
KK – Parrinu miu e ra nostra famigghia,
tu si omu d’onuri e di valuri,
sia santificato il tuo nome,
Iu to nomi l’ha’a fari arrispittari
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà.
e tutti quanti t’avemu a obbidiri:
chiddu ca dici, ognunu l’avi a fari
picchi è leggi si nun voli muriri.
Dacci oggi il nostro pane
quotidiano.
Tu nni si patri ca nni runi pani
pani e travagghiu e nun t’arrifardii
d’arrimunnari anticchia a cu pusseri
picchi sai ca i picciotti
hannu a manciari.
Perdona i nostri debiti
come noi perdoniamo…
Cu sgarra, Iu sapemu, avi a pagari:
nun perdunari, vasinnò si ‘nfami
ed è nfami cu parrà e fa la spia;
chista è la leggi di sta cumpagnia!
Non lasciarci cadere
nella tentazione
ma liberaci dal male
Mi raccumannu a tia, parrinu miu,
liberami ri li sbirri e ra custura
libera a mia e a tutti li to «amici».
Amen.
Sempri sarà accussì e cu fici fici.
( Il killer spara. Padre Puglisi stramazza al suolo. Il killer dopo un attimo di smarrimento afferra la borsa del sacerdote e, sempre con fare guardingo e circospetto , scappa via)
ULTIMA CANZONE

Ma cosa vuoi che io ti dica
a questo punto ora che è finita
una parola d’occasione
una facile emozione ora che è finita.
Tra un po’ sarà chiuso il sipario
e dentro al tuo diario c’è una pagina in più.
C’è un dramma consumato un altro uomo ammazzato
sia un giusto o un disgraziato me lo hanno ammazzato.
Ed io che gli ho creduto per lui tutto ho perduto
ed io che gli ho creduto per lui tutto ho perduto.

Ho perduto la mia vita
come ho fatto non lo so
di rimpianti certo non ne ho.
Tu non vuoi la mia vita
tu pretendi me lo so
se mi cerchi io ti troverò.

Ma tu l’hai visto tu gli hai parlato.
Sì è vero io ho parlato a lui
un giorno in cui non pensavo ad altro
nei quartieri del Capo un bimbo accoccolato
giocava con l’immondizia
l’ho visto era lui era lui.
Dietro quella squallida vetrina
una vecchia ragazzina esauriva la sua mercé.
Per le strade del porto in un rigagnolo sporco
un ubriaco affamato raccatta il pane che avevo buttato
l’ho visto era lui era lui era lui.
I quartieri della mia città
da quanto tempo aspettano pietà…
i quartieri della mia città
da quanto tempo aspettano pietà.

Hai perduto la tua vita
come hai fatto non lo so
di rimpianti certo non ne hai…

Io non voglio la tua vita
io pretendo te lo sai
se ti cerco tu mi troverai.
Adesso sono qui con i miei giorni spenti
ad aspettare chi inventi una preghiera nuova.
Lascia tutto come si trova
i capelli trasandati e i pensieri spettinati
la finestra rifiorisce a maggio
ma non trovo più il coraggio
di chiedermi di più
di vedere se le gemme son spuntate
se viene l’estate.
E forse tu sei morto invano
e forse piano piano noi ci scorderemo di te. (tre volte)

Torna sole presto amore io t’aspetterò
quanto tempo io dovrò restare solo
torna sole presto fiore io t’aspetterò
se tu vuoi con tè rinascerò.

( Un gruppo di vicini e passanti si avvicina al corpo riverso sulla polvere)

1 PASSANTE- Mischinu!

2 PASSANTE- Ma cu è?

1 PASSANTE – U parrinu chi stava ccà.

2 PASSANTE- Nca picchi l’ammazzaru?

3 PASSANTE- Certu avia a dari mpacciu a quarcunu.

4 PASSANTE- Fìciru sta spirtizza. Un cristianu nnuccenti, bbonu, ca ‘un sapia fari mali mancu a ‘na musca: vigliacchi!

3 PASSANTE- Iu sacciu ca l’avianu avvisatu..e l’omu avvisatu è menzu sarvatu.

5 PASSANTE- E allura picchi ‘un si facìa i fatti so?!

2 PASSANTE- Ma no, app’a essiri quarchi drogatu: ‘un lu faciti addivintari santu prima ru tempu.

1 PASSANTE – Ma quali drogatu, chiddu cu giubbottu russu chi vittimu scappari ‘un lu canusci tu?

5 PASSANTE- E cu chistu chi vvo’ sunatu?

1 PASSANTE- E allura aviss’a parrari, ti tocca parrari, a ttia…

5 PASSANTE- A mmia? Tu sbattistì a testa, iu haiu ‘na famigghia

4 PASSANTE- Puru iu haiu famigghia, ma si tutti restamu a taliari, chi fìura facemu, comu ni sentemu e chi ci guaragnamu?

5 PASSANTE- Continuamu a campari: eccu ‘nzoccu ci guaragnamu. Cu si fa i fatti so’, campa cent’anni.

4 PASSANTE- Ma chi vita è chidda ca t’incatina a sti quattru armali ca nun hannu dignità di omini. Picchi cu un’avi cori, cu ammazza un ‘nnuccenti comu stu parrinu, nun è autru ca armalu sarvaggiu. Sulu l’armali nun pensanu: i cristiani hannu a testa e a parola.

5 PASSANTE- Ricordati ca l’anticu ‘un sbagghia mai: taciri è prurenza, finciri è virtù e Parrari picca è miracamentu.

3 PASSANTE- Veru è: ‘Nzoccu viri viri e ‘nzoccu senti senti, ‘un t’impicciari nne fatti ri l’autri e ‘un mettiri a ucca runni ‘un t’apparteni.

4 PASSANTE- Ma ogni fìgghiu ri mamma ‘un po’ esseri servu e schiavu ri n’autru: l’omu è libero ri caminari, ri pinsari, ri parrari, picchi Testa cu un parrà si chiama cucuzza…

5 PASSANTE- I sbirri, i sbirri

TUTTI- I sbirri, i sbirri

TU, DA CHE PARTE STAI?

Guardi qua guardi là
guardi chi vincerà
guardi là guarda qua
ma tu tu tu da che parte stai?

A che ti serve vivere
guardando chi vincerà?
Tu puoi fare poco fallo presto
la tua vita è a rischio o ha poco senso
perché non t’hanno ancora ammazzato
sei stato d’intralcio ai guadagni di morte
o sei stato volano al nero potere…

Maledetta questa terra che ha bisogno d’eroi
eroi come Pino, Paolo e Giovanni
e come tutti i santi morti ammazzati
che si sono succeduti nel tempo.

Guardi qua guardi là…

Anche tu chiedesti i nomi
dei commissari
anche hai voluto la tua fetta di torta
e della scorta anche tu ti lamenti
e delle sirene in coro con tutti gli altri
fumi anche tu tabacco di contrabbando
giovane drogato
quanti vili hai foraggiato.

Maledetta questa terra…

Guardi qua, guardi là…
TRADUZIONE IN ITALIANO
PER OGNI COSA
(PP armeggia con le chiavi)

DN – Padre Puglisi
PP – Signora, mi dica.
DN – E’ venuto un uomo a cercarla.
PP – Come si chiamava?
DN – Lo ha detto, ma io l’ ho dimenticato. Era uno con un paio di baffi così. Dice che è di Godrano.
PP – Filippo.
DN – Come?
PP – Filippo. Si chiamava Filippo?
DN – Sì, ora ricordo: Filippo.
PP – E che voleva?
DN – Niente, le ha portato questa sporta e questo bottiglione.
PP – Due forme di caciocavallo… ed il vino. Tenga, se ne prenda una.
DN – E perché me ne da una?
PP – Ne basta una, a me.
DN – Tante grazie, rientro.
PP – E questa non è… e questa neanche… Questa, forse… neanche. Aspetta che ti trovo e tutto va a finire… con una bella scatoletta di carne argentina made in Italy e caciocavallo del Godrano.
KK – Monsignore!
PP – Tuo padre!
KK – Monsignore Puglisi…
PP – Ti ho detto, tu e tuo padre!
KK – Sempre al solito, ah. Padre Pino Puglisi.
PP – Ah, tu sei? Che ci fai qua? Ti posso essere utile?
KK – Ormai non può servire a niente.
PP – Pure da morti si può essere utili.
KK – Questo lo dite voi, io so che dopo la morte c’è solo nero, freddo e silenzio. Voi preti c’inculcate che c’è un’altra vita: ma chi l’ ha mai vista? Ci riempite la testa di chiacchiere… il paradiso… La verità è che pure mentre viviamo già portiamo il seme della morte…
PP – Niente di meno…
KK – …che può venire da un momento all’altro. E noi lo sappiamo bene.
PP – Noi, chi?
KK – Noi… noi, e ci siete pure voi.
PP – Pure noi dici?
KK – E perché, voi preti e tutti i clericali non dite che siamo terra: polvere. “Polvere siamo ed in polvere ritorneremo”.
PP – Si, lo diciamo il mercoledì delle ceneri.
KK – Per l’appunto, al catechismo vostro mi hanno imparato questo: “Fratello, ricordati che devi morire”.
PP – Hai ragione.
KK – E poi mi hanno imparato un altro catechismo che è lo stesso identico di quello vostro: ricordati che la morte è sempre a portata di mano, la vita di un uomo vale poco, e perciò bisogna stare sempre all’erta, perché la morte è sicura e chissà cosa c’è dopo.
AI CONFINI DELLA VITA
PP – E certamente noi dobbiamo essere sempre con la valigia e <ca truscia pronta> per oltrepassare il confine della vita e consegnarci nelle mani del creatore.
KK – Il fatto è che dite così, ma tutti i preti sono attaccati ed appiccicati ai soldi, a telefonini, a quadri e a collane d’oro. C’era padre Agostino che non scherzava. E non parliamo di Fra Giacinto: mobili ricercati, libri di valore, televisioni a colori col telecomando, bar personali dentro al convento, Johnny Walker etichetta nera, giradischi ad alta fedeltà, e tante altre cose. Conosco un monsignore che ha la camera piena di quadri antichi, ce ne è uno che dice che è bizantino dell’800, ma non del 1800, 800 solo, che vale tanti soldi e poi deve pensare che tanto è attaccato ai soldi che imbroglia pure le carte per prendersi l’eredità di una povera sventurata.
PP – Può essere, ma i ministri di Dio non sono tutti così. Ma scusa, perché non ti sei fatto più vedere al centro sociale? T’avevo fatto cercare. Come mai ora sei venuto a cercarmi? Perché sei qui?
KK – Ah, sono qui perché ormai avete stancato qualcuno.
PP – Sto dando fastidio a qualcuno? E a chi?
KK – A chi? Voi lo potete capire…
PP – Perché hanno mandato te e non sono venuti loro?
KK – Che importanza ha? Hanno mandato me, che è la stessa cosa. Tanto, ora tocca a me aggiustare questa faccenda, può essere che tra qualche mese, tra qualche anno o tra qualche giorno tocca a mio fratello, a mio cugino ammazzare me. Questo è l’uomo d’onore: vivere sempre con la paura in corpo, aspettando sempre il peggio, sicuro solo che la morte è dietro la porta e può entrare da un momento all’altro: la vita è come il pianto di un bambino: ora c’è, dopo un po’ non c’è più; come una pallina di sapone, che se la tocchi si rompe subito. L’uomo, questo è.

SETTE OTTO SPANNE D’UOMO

PP – Tu dici che la vita di un uomo è attaccata ad un filo di capello, ma allora, qual è il progetto tuo e di chi ti comanda?
KK – Noi non abbiamo nessun progetto. Ma poi a voi che interessa? Sto parlando troppo assai.
PP – Ma tu ci hai pensato?
KK – Ma a cha cosa?
PP – A quello che stai facendo ed ai tuoi progetti…
KK – Io? Ma a me hanno detto soltanto <Leva di mezzo questo prete che tu conosci, perché ci sta rompendo i coglioni. Qua ci sono 250.000 lire. Non ci sono pericoli. Non è scortato come altri preti e perciò è un lavoro liscio liscio come l’olio>.
PP – Duecentocinquantamila lire?
KK – Sono assai, vero?
PP – Certo, per me sono anche troppe: valgo molto meno.
KK – Insomma, queste mi hanno dato, e per me sono buone, che mi servono.
PP – Che cosa ci fai?
KK – Devo fare un regalo ad una ragazza. Soprattutto perché questa è la prova per potere entrare nella famiglia.
PP – Nella famiglia?
KK – Si, nella famiglia, e poi posso comandare, guadagnare soldi, avere i Ferrari, femmine, vestiti, rispetto, amici e favori per me e per i miei parenti ed amici e… soddisfazioni..
PPP Soddisfazioni? Che tipo di soddisfazioni?
KK- I nostri affari: traffico di droga, contrabbando di sigarette, di armi, appalti, traffico di bambini, sbarco di clandestini, estorsioni.
E..regali. Si posso fare tanti regali…mi devo divertire a fare regali.
GI – Padre Puglisi… ah,… vedo che è in compagnia… dovrei parlarle.
PP – E’ una cosa urgente?
GI – La questione si è complicata ulteriormente. Non so come devo comportarmi, cosa devo fare. L’ ho cercata ma m’ hanno detto che era molto impegnato. Ci possiamo vedere domani?
PP – Domani? Spero di sì.
GI – E allora, a che ora?
PP – Se ci diamo appuntamento alle nove al Vittorio Emanuele, alle dieci dovrei arrivare.
GI – E se alle undici non è ancora arrivato?
PP – Beh, a mezzogiorno te ne vai. Sta tranquilla. Nono ti preoccupare: alle nove sarò a scuola.
GI – Vabbé, ci vediamo domani.
PP – Ti saluto e… non ti perdere.( La giovane va via)
KK – Ma insomma, ora devo fare quello che si deve fare.
PP – Perché lo fai?
KK – Perché lo fai? Perché, pure se volessi, ormai non mi posso tirare indietro.
PP – Ma se tu vuoi puoi sempre rinunciare…
KK – Non è così facile. Una volta che si da l’ordine nella famiglia, si deve eseguire. Quando un uomo d’onore riceve l’ordine d’ammazzare, nel 99% non ha altra alternativa che quella d’ammazzare. Se io devo ammazzare, ammazzo. Senza fare tante domande e senza pensarci sopra. Senza paura, senza tentennamenti e senza pietà. Chi ha paura d’ammazzare è un uomo morto. Può pure capitare d’ammazzare a mio fratello, a mio cognato, com’è successo per Filippo Marchese: si deve fare! Altrimenti sono un uomo morto. Dunque sono obbligato a farlo.
COS’E’ L’UOMO
KK – Prete, preparati a morire.
PP – La morte, l’avevo prevista e messa nel conto fin dal mio arrivo a Brancaccio, anzi a Godrano e per la precisione quando ho detto “si”. Ma, aspetta, non si potrebbe ragionare un po’?
KK – Ma che vuole ragionare, ormai? Voi avete rotto le scatole, vi siete impicciato troppo e perciò dovete morire.
PP – E cosa dovevo fare?
KK – Ci doveva pensare prima e si doveva fare i cazzi suoi, come fanno tutti i preti che si rispettano.
PP – Come fanno? Ed io che dovevo fare?
KK – Faceva organizzare la festa del nostro Santo Patrono a quelle persone che sa, lasciava stare i picciotti nella strada e lo scantinato dov’era.
PP – Dovevo chiudere il centro sociale, dovevo celebrare le messe e non pronunciare vive e vibranti omelie contro i vigliacchi e gli sciacalli che fanno morire i giovani di droga, contro chi tiene i piccoli nel Regno sotto la pressa della paura e della povertà, del dolore e della morte? Dovevo solo celebrare astratti, disincarnati e asettici sacramenti che non interessano più a nessuno: prime comunioni, matrimoni, funerali… ?
KK – E poi non c’era bisogno di fare tanto rumore, di fare tanto tifo per i signori Falcone e Borsellino.
PP – E manco c’era bisogno di chiamare il signor Violante, è vero?
KK – Ma soprattutto, non doveva girare di continuo “curtigghia e vanedda”, porte e portoni a parlare con questo e con quello, con i cani e con i gatti portando pasta e zucchero. Insomma, doveva fare come questi qua.
PP – E come fanno questi qua?
KK – Stanno seduti e guardano la partita, per vedere chi vince, e fanno il tifo ora per noi e ora per voi. Questi, quando c’è tempesta, si chiudono. Sapete come si dice? “Calati giunco che passa la piena”. E solo in Sicilia sono quasi quattro milioni.
PP – Sì, ma molti cominciano ad alzarsi ed a parlare.
KK – Ma la migliore parola è quella che non si dice, e perciò finiamola con le chiacchiere ed andiamo al fatto.
PP – Ti prego, se possibile, evitiamo questo peccato.
KK – No, ormai è deciso.
PP – Ti prego, anche tu in fondo sei una creatura di Dio. Credo tu sia battezzato, o no?
KK – Certo! Che vuol dire?! Sono battezzato, cresimato e devoto a San Michele Arcangelo ed alla Madonna della Nunziata… Lo vedi? Ho pure i santini nel portafogli: ce n’è di tutti i santi.
PP – E allora non puoi togliere la vita di un uomo. Il Vangelo di Gesù Cristo, i santi, la Madonna non vogliono!
KK – Che c’entra? I santi, Cristo e la Madonna non si devono impicciare di queste cose.
PP – Ma come. Gesù Cristo non si deve interessare della vita dei suoi fratelli? Ma solo Dio è il padre della luce e il datore della vita: a lui solo dobbiamo ubbidire ciecamente.
KK – Io devo ubbidire senza discussioni al mio padrino.
PP – Ma non puoi ubbidire totalmente ad un altro uomo, nemmeno a chi ti ha dato un lavoro o il potere, il prestigio. Tu sei importante quanto lui di fronte a Dio. Tutti abbiamo la libertà ed uguale dignità perché tutti figli dello stesso Dio che ci ha fatti per la santità e come lui che è amore e perciò Vita e non morte. Ti prego, per la tua salvezza, sali a prendere un boccone con me, che oggi è la mia festa.
KK – Per favore, non mi dica così. Se io faccio questo, lo capite voi che tutti cominciano a ribellarsi? E dove andiamo a finire? L’onorevole non vuole aggiustare i processi, i dottori non fanno i certificati che ci servono, i commercianti non pagano il pizzo e gli impiegati non ci conservano il posto nel protocollo. L’ ha visto com’è finita a quello che non voleva pagare? Come si chiamava, Grasso? No, Grassi, Libero Grassi si chiamava. E come mi può finire ora a me? Insomma, ora basta. Si dica le sue preghiere che io mi dico le mie.

PP – Padre nostro che sei nei cieli
KK – Padrino mio e della nostra famiglia,
tu sei uomo d’onore e di valore,
sia santificato il tuo nome,
Il tuo nome lo devi fare rispettare
Venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà
e tutti quanti ti dobbiamo obbedire:
quello che dici, ognuno lo deve fare
perché è legge se non vuole morire.
Dacci oggi il nostro pane quotidiano
Tu ci sei padre che ci da pane
Pane e lavoro e non ti tiri indietro
Di ripulire un po’ chi possiede
Perché sai che i picciotti devono mangiare
Perdona i nostri debiti
Come noi perdoniamo…
Chi sbaglia lo sappiamo, deve pagare:
non perdonare, altrimenti sei infame
ed è infame chi parla e fa la spia;
questa è la legge di questa compagnia!
Non lasciarci cadere
Nella tentazione
Ma liberaci dal male
Mi raccomando a te, padrino mio,
liberami dagli sbirri a dalla questura
libera me e tutti i tuoi amici.
Amen.
Sempre sarà così, e “cu fici fici”.
ULTIMA CANZONE

1 – Poverino!
2 – Ma chi è?
1 – Il prete che stava qui.
2 – E perché l’ hanno ammazzato?
3 – Certo doveva dare impaccio a qualcuno.
4 – Hanno fatto questa spavalderia. Un uomo innocente, buono, che non sapeva fare del male nemmeno ad una mosca: vigliacchi!
3 – Io so che l’avevano avvisato…e l’uomo avvisato è mezzo salvato
5 – Ed allora perché non si faceva i fatti suoi?!
2 – Ma no, sarà stato qualche drogato: non lo fate diventare santo prima del tempo.
1 – Ma quale drogato, quello col giubbotto rosso che abbiamo visto scappare, non lo conosci tu?
5 – E con questo che vuoi dire?
1 – Ed allora dovresti parlare, ti tocca parlare, a te…
5 – A me? Tu hai sbattuto la testa, io ho una famiglia.
4 – Pure io ho una famiglia, ma se tutti restiamo a guardare, che figura facciamo, come ci sentiamo e che ci guadagniamo?
5 – Continuiamo a vivere: ecco cosa ci guadagniamo. Chi si fa i fatti suoi campa cent’anni.
4 – Ma che vita è quella che ti incatena a questi quattro animali che non hanno dignità di uomini. Perché solo gli animali non pensano: le persone hanno la testa e la parola.
5 – Ricordati che l’antico non sbaglia mai: tacere è prudenza,fingere è virtù e parlare poco è medicina
3 – Vero è: qualunque cosa vedi e qualunque cosa senti, non ti impicciare nei fatti degli altri e non mettere la bocca dove non ti appartiene.
4 – Ma ogni figlio di mamma non può essere servo e schiavo di un altro: l’uomo è libero di camminare, di pensare, di parlare, perché testa che non parla si chiama zucca…
TUTTI – Gli sbirri, gli sbirri!!
TU, DA CHE PARTE STAI?

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. 18 marzo 2009 alle 21:07

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: