Home > Antropologia, Pedagogia, Psicologia, Scienze Umane, Scuola, Zibaldone > La scuola non sa cosa insegnare…

La scuola non sa cosa insegnare…

(…né come debba farlo, né chi)

cap341.gifRagazzo, devi molto perseverare,
avere buona pazienza,
per arrivare al punto
di partenza

(M. Ruffino)

 

 

La società italiana è caratterizzata da una scarsa mobilità sociale. Tra le altre cause si suole indicare la particolare struttura demografica del nostro Paese, con tassi di natalità tra i più bassi e l’invecchiamento della popolazione tra i più accelerati al mondo. Di solito si aggiunge che l’elevata età media della classe dirigente non sarebbe altro che lo specchio di questa particolare situazione sociale. A parere di chi scrive, l’analisi è così poco convincente e goffa da lasciar affiorare il tentativo di autodifesa dei gruppi sociali che detengono il controllo della trasmissione del sapere, dell’informazione e della distribuzione del benessere e sono al tempo stesso i soli adeguatamente rappresentati nelle istituzioni. Basterebbe ricordare che, a soli trentanove anni, Mussolini fu il più giovane primo ministro dell’Italia liberale, la sua ideologia ispirava una chiara politica di espansione demografica e tuttavia il ventennio fascista coincise con la più formidabile fase di blocco delle dinamiche sociali dall’Unità ad oggi. Evidentemente sono in molti a non essersi accorti che la fascinazione delle ingegnerie sociali di ogni tipo, comprese le loro presunte basi scientifiche skinneriane, hanno da tempo rivelato la loro faccia autoritaria.
Le dinamiche sociali non dipendono dai rigidi determinismi immaginati da questa rozza cucina sociologica esibita nei talk show, ma dal grado di uguaglianza reale diffusa nel corpo sociale. La causa principale dell’immobilismo della società italiana, specie nel nostro Meridione, è l’organizzazione del sistema scolastico che, così come è concepito, irrigidisce, appunto, la stratificazione sociale. In particolare, la tendenza ad anticipare sempre più la formazione professionale ad età troppo giovanili ottiene che sin dall’adolescenza il cittadino sia addestrato a ricoprire un preciso ruolo lavorativo sulla base esclusiva della sua estrazione sociale. Un sistema educativo concepito come cinghia di trasmissione per veicolare un rigido ordine sociale precostituito è la spia del tasso di autoritarismo presente in una società, e ciò indipendentemente dai modelli di gestione del potere formalmente assunti. Come accadeva nel Ventennio, la scuola rischia di trasformarsi, ed in buona parte è già, un abnorme meccanismo manipolatorio e d’oppressione di massa.

Nelle analisi mediatiche sul declino del sistema-Paese generalmente la scuola non figura neppure. Le stesse critiche al sistema scolastico accolgono la logica autodissolutoria del modello aziendalista, che è stato la comune ispirazione delle numerose recenti riforme dei cicli scolastici. Il disinteresse per il tema alto della scuola è la misura della stoltezza politica, oltre che dell’egoismo di classe, del ceto dirigente. Il ministro degli interni, Giuliano Amato, ai quindicimila studenti riuniti a Palermo per commemorare Giovanni Falcone, e che lo interrogavano criticamente sulla politica scolastica del governo, ha risposto tra l’altro: “Non credo alla scuola alternativa, una delle ragioni per cui studiate male è perché alcuni insegnanti sono usciti da anni in cui discutere del Vietnam prese il posto dell’imparare” (la Repubblica 24.5.07). E’ una risposta che, nella sua desolante pochezza, rende un dato evidente: il politico si sente assediato perché in realtà non sa che fare anche su questioni strategiche per il Paese. Anche nell’attuale dibattito sulla cosiddetta crisi della politica, cioè il fenomeno della crescente insofferenza dei cittadini per le cose e gli uomini del Palazzo, pesa infinitamente di più la riforma delle pensioni che la formazione culturale dei cittadini.
Nella disattenzione a ciò che accade alla scuola vi è, infine, anche una spia della confusione in cui versa la società civile. Un solo esempio, tratto dal più significativo evento civile di questo primo anno di governo del centro-sinistra. Gli organizzatori del movimento Family Day, questa parte indubbiamente sana della società civile, hanno lasciato che si neutralizzasse il potenziale propositivo e di crescita collettiva della propria protesta attraverso la strumentalizzazione reazionaria, politicamente innocua, del “no” ai DICO. In questo modo si è persa l’occasione per chiedere vere politiche progressiste di sostegno alla famiglia: una ripresa dell’edilizia popolare, dell’occupazione giovanile e di una seria politica di ristrutturazione completa del sistema formativo del Paese, in primo luogo.

La scuola è la prima esperienza pubblica di un cittadino. Bene, informiamo il Ministro degli Interni sulla concreta esperienza scolastica dei giovani palermitani cui egli ha rivolto le sue alate parole. Le condizioni materiali in cui avviene la relazione didattica sono disastrose. Edilizia scolastica adattata alla meglio, insicura, malsana, del tutto aliena da criteri ergonomici e dettati dalla specifica destinazione d’uso. Classi di venticinque-trenta persone, tra studenti e docenti, ammassati in pochi metri quadri, dotati di strumenti didattici obsoleti, in spazi insufficienti; ragazzoni seduti a due a due, dietro a banchi adatti a bimbi di scuola elementare, fino ad otto ore al giorno. Palestre e attrezzature sportive ridicole, biblioteche non funzionanti, trasformate in aule e magazzini, servizi igienici da lazzaretto, di mense neppure l’ombra. I ritmi di apprendimento, le leggi dell’attenzione e del lavoro intellettuale, la continuità didattica sono all’ultimo posto tra i problemi della gestione del personale docente, del calendario, degli orari e tempi della didattica. Gli insegnamenti pomeridiani, quando non sono dei doppioni di quelli curriculari, spaziano dall’equitazione, alle maschere, alle cornamuse, presepi e carnevali. Un fiume di denaro viene distribuito con il sistema dei progetti. Più i progetti sono attraenti per i ragazzi, più aumenta il numero degli iscritti, più crescono i finanziamenti: e il ciclo riprende. In realtà gli studenti sono frastornati da un’offerta di dubbia validità formativa a discapito dei processi logici di base, competenza linguistica e capacità espressive, metodologie e strategie di apprendimento, conoscenza di sé, formazione dell’affettività e delle emozioni, crescita psicosociale e relazionale, metacognizione, autocorrezione, soluzione di problemi nuovi, educazione del gusto, della creatività e dello stile.
Le relazioni affettive sono sacrificate. L’aumento, anno per anno, dell’orario di lavoro dei docenti e la contemporanea squalifica professionale del lavoro docente e del suo ruolo sociale. Le relazioni scuola famiglia sono sempre più formali e difensive, la burocrazia è un muro crescente di carte tra docenti e famiglie, tra docenti e studenti. I ragazzi pensano ad evadere appena possibile, (il sabato, ogni pomeriggio, a partire dalla terza ora di lezione in poi…) ed a stordirsi in un modo qualsiasi.
La scuola è sempre più il luogo in cui gli allievi fanno esperienza dei conflitti e del proprio svantaggio sociale, senza neppure ricevere gli strumenti per elaborarli. I ricordi di scuola sono ormai come una scena primaria, l’origine traumatica della reciproca diffidenza tra il cittadino e lo Stato.

Si sa che gli studenti non votano e la politica è portata a privilegiare i propri naturali “clienti”. Ma nel caso in cui il parlamentare, l’uomo di governo, l’amministratore nostrano non si sentisse particolarmente vocato a un’idea alta di politica, il legislatore dovrebbe almeno tenere in qualche conto le statistiche sul mondo della scuola.
La dispersione scolastica è ancora elevata; solo pochissimi studenti delle scuole secondare, in special modo professionali, una volta conseguito il diploma si iscrivono all’università; tra questi, molti, troppi abbandonano al primo anno e gli altri trascinano spesso carriere universitarie interminabili; pochissimi diplomati nelle scuole professionali e tecniche trovano un lavoro che abbia attinenza con i loro studi; la maggior parte trova impiego in lavori non qualificati. Un’indagine realizzata dall’ISTUD per la camera di Commercio di Milano, attraverso la rielaborazione di dati provenienti da fonti istituzionali conclude che:
“accedere al mercato del lavoro è più importante che accedere in una posizione perfettamente adatta al titolo di studio posseduto. Entrare, cominciare a lavorare, darsi da fare immediatamente dopo il conseguimento del titolo di studio è probabilmente visto anche dalle imprese come un segno che il soggetto è attivo, motivato ed intraprendente.
[…] un ingresso rapido al lavoro è ciò che più conta per le prospettive di sviluppo della carriera individuale, anche se tale ingresso avviene in posizioni ‘atipiche’ o non completamente confacenti al titolo di studio”. (Camera di commercio di Milano, La transizione scuola-lavoro e i rendimenti dei titoli di studio nel mercato del lavoro” (vedi http://www.mi.camcom.it/show.jsp?page=66326).
Ciò che vale per Milano e per il i giovani laureati, vale in realtà (anzi, a maggior ragione) anche al Meridione e per i giovani diplomati. Che senso ha un insegnamento tecnico impartito troppo precocemente e in tempi sbagliati a discapito di una migliore formazione umana e civile, quando è quasi certo che non servirà per l’effettiva attività lavorativa futura? Quando la formazione tecnica di migliore qualità avviene lavorando e che è il mercato del lavoro stesso a chiedere la formazione umana e civica come migliore prerequisito della produttività del futuro professionista?
Il fatto è che alla scuola ideologica e dottrinaria se ne è sostituita una pragmatica, concepita in funzione delle esigenze economiche di gruppi egemoni, non di quelle antropologiche (se mai lo è stata) e del bene comune. Ecco perché la prima riflessione critica dovrebbe riguardare il fatto che la relazione educativa è declinata in tutte le culture ed istituzionalizzata, esattamente come il diritto, la religione, il rapporto uomo donna; insomma, come tutto ciò che a che fare con la propria continuità spirituale.

Annunci
  1. rickinca84
  2. 2 settembre 2011 alle 19:05

    Non studiate!
    di Ilvo Diamanti

    CARI RAGAZZI, cari giovani: non studiate! Soprattutto, non nella scuola pubblica. Ve lo dice uno che ha sempre studiato e studia da sempre. Che senza studiare non saprebbe che fare. Che a scuola si sente a casa propria.
    Ascoltatemi: non studiate. Non nella scuola pubblica, comunque. Non vi garantisce un lavoro, né un reddito. Allunga la vostra precarietà. La vostra dipendenza dalla famiglia. Non vi garantisce prestigio sociale. Vi pare che i vostri maestri e i vostri professori ne abbiano? Meritano il vostro rispetto, la vostra deferenza? I vostri genitori li considerano “classe dirigente”? Difficile.
    Qualsiasi libero professionista, commerciante, artigiano, non dico imprenditore, guadagna più di loro. E poi vi pare che godano di considerazione sociale? I ministri li definiscono fannulloni. Il governo una categoria da “tagliare”. Ed effettivamente “tagliata”, dal punto di vista degli organici, degli stipendi, dei fondi per l’attività ordinaria e per la ricerca.
    E, poi, che cosa hanno da insegnare ancora? Oggi la “cultura” passa tutta attraverso Internet e i New media. A proposito dei quali, voi, ragazzi, ne sapete molto più di loro. Perché voi siete, in larga parte e in larga misura, “nativi digitali”, mentre loro (noi), gli insegnanti, i professori, di “digitali”, spesso, hanno solo le impronte. E poi quanti di voi e dei vostri genitori ne accettano i giudizi? Quanti di voi e dei vostri genitori, quando si tratta di giudizi – e di voti – negativi, non li considerano pre-giudizi, viziati da malanimo?
    Per cui, cari ragazzi, non studiate! Non andate a scuola. In quella pubblica almeno. Non avete nulla da imparare e neppure da ottenere. Per il titolo di studio, basta poco. Un istituto privato che vi faccia ottenere in poco tempo e con poco sforzo, un diploma, perfino una laurea. Restandovene tranquillamente a casa vostra. Tanto non vi servirà a molto. Per fare il precario, la velina o il tronista non sono richiesti titoli di studio. Per avere una retribuzione alta e magari una pensione sicura a 25 anni: basta andare in Parlamento o in Regione. Basta essere figli o parenti di un parlamentare o di un uomo politico. Uno di quelli che sparano sulla scuola, sulla cultura e sullo Stato. Sul Pubblico. Sui privilegi della Casta. (Cioè: degli altri). L’Istruzione, la Cultura, a questo fine, non servono.
    Non studiate, ragazzi. Non andate a scuola. Tanto meno in quella pubblica. Anni buttati. Non vi serviranno neppure a maturare anzianità di servizio, in vista della pensione. Che, d’altronde, non riuscirete mai ad avere. Perché la vostra generazione è destinata a un presente lavorativo incerto e a un futuro certamente senza pensione. Gli anni passati a studiare all’università. Scordateveli. Non riuscirete a utilizzarli per la vostra anzianità. Il governo li considera, comunque, “inutili”. Tanto più come incentivo. A studiare.
    Per cui, cari ragazzi, non studiate. Se necessario, fingete, visto che, comunque, è meglio studiare che andare a lavorare, quando il lavoro non c’è. E se c’è, è intermittente, temporaneo. Precario. Ma, se potete, guardate i maestri e i professori con indulgenza. Sono una categoria residua (e “protetta”). Una specie in via d’estinzione, mal sopportata. Sopravvissuta a un’era ormai passata. Quando la scuola e la cultura servivano. Erano fattori di prestigio.
    Oggi non è più così. I Professori: verranno aboliti per legge, insieme alla Scuola. D’altronde, studiare non serve. E la cultura vi creerà più guai che vantaggi. Perché la cultura rende liberi, critici e consapevoli. Ma oggi non conviene. Si tratta di vizi insopportabili. Cari ragazzi, ascoltatemi: meglio furbi che colti!

  1. 31 luglio 2007 alle 22:21

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: